Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tar, nulla delibera Mit che non riduce pedaggi a Tir non Ue

Tar, nulla delibera Mit che non riduce pedaggi a Tir non Ue

Accolto ricorso Consorzio Lingam

ROMA, 20 febbraio 2024, 18:41

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' nulla la deliberazione del maggio scorso con la quale il ministero dei Trasporti, nel disporre sul tema della riduzione dei pedaggi autostradali per transiti autostradali effettuati nel 2022, ha precluso la possibilità di accedere alle riduzioni ad autotrasportatori che utilizzino mezzi aventi targa emessa da uno Stato non appartenente all'Unione Europea. L'ha deciso il Tar del Lazio con una sentenza con la quale ha accolto un ricorso proposto dal Consorzio Lingam, che raggruppa imprese con sedi Ue alle quali offre assistenza nei servizi connessi al pagamento dei pedaggi autostradali, inclusi quelli collegati alla fruizione dei benefici relativi all'agevolazione rappresentata dalla cosiddetta "riduzione pedaggi". Con il ricorso in questione si rappresentava, tra l'altro, che l'applicativo dell'apposito portale del Ministero non consente di inserire targhe di veicoli immatricolati fuori dalla Unione Europea, censurando anche il difetto di motivazione relativo alle ragioni di questa difficoltà. Il Tar ha accolto il ricorso, facendo proprie le intere motivazioni espresse nella analoga sentenza emessa nel 2022, con la quale i i giudici ritennero che, "oltre a difettare l'esternazione delle ragioni poste dall'Amministrazione resistente alla base dell'introdotta limitazione", la limitazione prevista "non appare rispondente alla 'ratio' della misura di agevolazione in questione". La conclusione è che "il ricorso va accolto, con annullamento dell'impugnata deliberazione nella parte in cui non contempla la possibilità di accedere alle riduzioni dei pedaggi ad autotrasportatori che utilizzino mezzi aventi targa emessa da uno Stato non appartenente all'Unione Europea".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza