Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nel Codice della strada terza fascia guard rail a tutela moto

Nel Codice della strada terza fascia guard rail a tutela moto

Approvato emendamento della Lega per maggiore sicurezza

ROMA, 20 febbraio 2024, 10:49

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Arriva la terza fascia sui guard rail a tutela dei motociclisti. E' stato approvato, nel corso dell'esame parlamentare della riforma del Codice della strada, l'emendamento della Lega che ne prevede l'installazione, raccogliendo "le istanze dell'intergruppo per il sostegno alla mobilità del motociclista, presieduto dalla senatrice leghista Erika Stefani". A darne notizia sono i deputati della Lega in commissione Trasporti Elena Maccanti (capogruppo), Andrea Dara, Domenico Furgiuele, Riccardo Augusto Marchetti ed Erik Pretto (primo firmatario dell'emendamento). "La sicurezza dei motociclisti è centrale nel nuovo codice della strada. Nelle scorse settimane abbiamo incluso le due ruote a motore nell'utenza vulnerabile, come già avveniva in altri Paesi. I dati sull'incidentalità ci dicono purtroppo che i motociclisti, che rappresentano solo il 13,4% del parco circolante, sono coinvolti nel 24,1% dei decessi. Dobbiamo fermare questa scia di sangue sulle nostre strade", concludono.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza