Ducati Monster, al via produzione a Borgo Panigale

Primo assemblaggio con piloti Bagnaia, Bastianini e Marini

Redazione ANSA MILANO

È ufficialmente cominciata nello stabilimento Ducati di Borgo Panigale la produzione del nuovo Monster. Per l'occasione, alla fase di assemblaggio del primo esemplare uscito dalla linea di produzione, hanno assistito anche i piloti MotoGP Pecco Bagnaia (Ducati Lenovo Team), Enea Bastianini e Luca Marini (Team Esponsorama Racing), i quali, poco prima di partire per i test della stagione sportiva 2021 in Qatar, si sono recati in fabbrica per osservare in prima persona la nascita del nuovo modello attraverso le spiegazioni degli operatori di linea. Con oltre 350 mila esemplari prodotti e distribuiti in tutto il mondo, la famiglia Monster è la più venduta della storia Ducati e la più longeva. Il nuovo modello, presentato nel corso della Ducati World Première 2021, è ispirato alla filosofia originale del 1993, ovvero una sport naked leggera ed essenziale con telaio derivato dalla Superbike e un motore pensato per essere al tempo stesso performante ma adatto per l'uso stradale.

L'idea alla base del Monster delle origini, replicata sulla nuova versione, era ed è, quella di una moto ideale sia per chi si avvicina per la prima volta al mondo delle due ruote sia per un motociclista più esperto. In poche parole: pronta a divertire nuove generazioni di motociclisti grazie a performance brillanti e facili da gestire, peso estremamente ridotto, ciclistica agile e intuitiva e dotazione elettronica di altro livello. Il cuore della moto è il motore Testastretta 11° da 937 cc bicilindrico a L con distribuzione desmodromica. La potenza massima si attesta a 111 CV a 9.250 giri/minuto con una coppia di 9,5 kgm a soli 6.500 giri/minuto.

Grazie alla maggiorazione della cilindrata rispetto alla versione da 821 cc, la coppia è migliorata a tutti i regimi, in particolare a quelli medio bassi, che risultano i più utilizzati normalmente su strada e tra le curve. I progettisti e i designer Ducati hanno dedicato grande attenzione alla riduzione del peso totale del nuovo Monster e anche per questo il veicolo è stato completamente riprogettato: telaietto, cerchi, forcellone e soprattutto il telaio, che ora è un front frame in alluminio con motore portante, concettualmente simile a quello della Panigale V4 e più leggero di 4,5 kg (ben il 60% in meno) rispetto al traliccio. Questo lavoro effettuato sulla ciclistica, insieme ad un alleggerimento di 2.6 kg sul motore, ha portato il peso a secco del Monster a soli 166 kg (quasi 20 kg in meno rispetto al Monster 821) e ciò si traduce in una moto agile nel traffico e dotata di una grande maneggevolezza.

Il design reinterpreta invece gli elementi chiave del Monster, come il serbatoio a dorso di bisonte, il proiettore circolare, la coda pulita e il motore al centro della scena. Per incentivare l'ingresso dei giovani appassionati al mondo delle due ruote, la moto è disponibile anche in versione depotenziata per i possessori di patente A2. Il nuovo Monster, che sarà nelle concessionarie Ducati da aprile 2021, è presente in gamma nei colori Rosso Ducati e Dark Stealth con ruote nere, Aviator Grey con ruote Rosso GP. Per chi desidera una sportività ancora più accentuata, è presente negli stessi colori anche la versione Monster Plus con il cupolino e la cover per la sella del passeggero di serie.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie