Diritti dei minorenni nello sport,un vademecum per i tecnici

Promosso dal Dipartimento sport, Garante infanzia, Scuola sport

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - È stato presentato a Catania, nell'ambito di Fiera Didacta Italia, il vademecum La tutela dei diritti dei minorenni nello sport rivolto a tecnici e dirigenti sportivi. A illustrarlo questo pomeriggio a Misterbianco (Ct) l'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza (Agia) Carla Garlatti, la Dirigente del Dipartimento per lo sport della Presidenza del Consiglio dei ministri, Stefania Pizzolla, la professoressa Adriana Bonifacino, membro del cda di Sport e Salute S.p.A., in occasione del seminario "Yes - Youth and education + Sport - Diritto allo sport per minori". Il volumetto di 55 pagine - promosso dal Dipartimento per lo sport, dall'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza e dalla Scuola dello sport di Sport e Salute S.p.A.- è stato redatto con il coinvolgimento di numerosi esperti.
    Nell'occasione, è stata presentata anche un'iniziativa di formazione dedicata ai docenti e ai tutor sportivi sui temi del diritto allo sport dei minorenni, che si svolgerà online su una piattaforma dedicata nell'ambito del progetto YES, gestito dal Dipartimento per lo sport insieme a INDIRE.
    "Il Dipartimento per lo Sport sta attuando una strategia di promozione e tutela dei minorenni - dichiara il Capo dipartimento per lo sport, Michele Sciscioli -, di cui sono parte integrante il corso di formazione e il vademecum. La formazione è ideata all'interno del progetto "YES, YOUTH & EDUCATION + SPORT - Diritto allo sport per minori che si rivolge agli operatori scolastici e sportivi, insegnanti e tecnici, formatori e allenatori, mentre il Vademecum è nato dalla volontà di sostenere soprattutto gli allenatori e fornire loro uno strumento base per la gestione di tutte le situazioni che potrebbero vedere il soggetto di minore età coinvolto in circostanze difficili per le quali è richiesto necessariamente l'intervento di un adulto. Auspico che entrambi siano degli strumenti utili per divulgare conoscenza, formazione e aumentare le professionalità. Dobbiamo continuare a lavorare sinergicamente con gli altri protagonisti del mondo dello sport e della tutela dell'Infanzia, per garantire a tutti i giovani di praticare lo sport e di farlo in sicurezza". "L'articolo 31 della Convenzione di New York del 1989 - afferma l'Autorità garante Carla Garlatti, a proposito del vademecum - pur non enunciando espressamente un diritto allo sport, riconosce a bambini e ragazzi quello al gioco e alle attività ricreative. La pratica sportiva rappresenta per bambini e adolescenti un'opportunità, in ambiente protetto, di svago, di condivisione con i pari, di educazione, di sviluppo armonico, di riabilitazione, di inclusione e, nelle situazioni di disagio, anche di riscatto sociale. Il mio auspicio è che queste pagine consentano di trovare stimoli, riferimenti e risorse utili a chi ogni giorno opera in ambito sportivo, permettendogli di non sentirsi solo nell'affrontare fenomeni come bullismo, razzismo, uso di sostanze proibite, abusi e violenze. I tecnici, oltre a trasferire competenze sportive, trasmettono anche valori educativi: con il loro impegno quotidiano rappresentano un punto di riferimento e una fonte di ispirazione per i giovani atleti".
    "Non c'è un solo punto del vademecum che non sia, aldilà della valenza generale, strettamente collegato allo sport - dice Adriana Bonifacino, consigliere di amministrazione di Sport e Salute SpA -. L'attività sportiva ha effetti diretti sul benessere dei ragazzi, sul fisico e sulla mente. Penso ai benefici delle relazioni interpersonali che caratterizzano ogni disciplina e alle potenzialità della pratica sportiva per il problema dell'inclusione. Sport e Salute, dunque, farà il massimo per diffondere questo vademecum fra i tecnici e i dirigenti sportivi ai quali affidiamo un po' della crescita dei nostri ragazzi". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA