Impiegate sostituite dopo unione civile, sindaco condannato

Anche vice e assessore, 'condotta dal carattere discriminatorio'

Redazione ANSA BRESCIA

(ANSA) - BRESCIA, 06 DIC - Discriminarono due dipendenti che si erano unite col rito civile sostituendole nelle loro mansioni: per questo la Corte d'appello di Brescia ha ribaltato la sentenza di primo grado e condannato il sindaco di Calcinato, nel Bresciano, Nicoletta Maestri, il suo vice Mirco Cinquetti e l'assessore alla Polizia Locale Stefano Vergano. I tre sono stati condannati per "il carattere discriminatorio - si legge nella sentenza - della loro condotta dopo l'unione civile di due dipendenti".
    Si tratta di Federica Lombardo e Luisa Zampiceni, rispettivamente ex responsabile dell'ufficio tecnico del comune di Calcinato ed ex comandante della Polizia Locale dello stesso comune bresciano. Entrambe erano state sostituite dopo che si erano sposate con un'unione civile nel 2020. A Federica Lombardo nel gennaio del 2021 viene tolto il ruolo di responsabile dell'ufficio tecnico che ricopriva dal 2011. Al suo posto una collega neoassunta. "Una rotazione mai fatta prima e, neppure dopo, con un atteggiamento discriminante - scrivono i giudici in sentenza - che non viene fatta subito nel 2020 per non creare sospetti". Nello stesso periodo "il Comune - si legge ancora - inizia un atteggiamento discriminatorio anche nei confronti del suo ormai ex comandante Zampiceni, modificando ad hoc la convenzione stipulata dai comuni di Calcinato, Lonato e Bedizzole che sono in convenzione di servizio costringendola di fatto a dimettersi" (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA