Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Musica: San Carlo apre con Turandot, trionfano le voci

Musica: San Carlo apre con Turandot, trionfano le voci

Dissensi per la regia del russo Barkhatov

NAPOLI, 10 dicembre 2023, 09:36

Francesca De Lucia

ANSACheck

. - RIPRODUZIONE RISERVATA

. - RIPRODUZIONE RISERVATA
. - RIPRODUZIONE RISERVATA

Trionfo per le voci, dissenso per la regia, prima esperienza italiana per il lanciatissimo russo Vasily Barkhatov. Comunque molti e calorosi gli applausi per la Turandot favola dark che ha aperto la stagione del San Carlo firmata dal soprintendente e direttore artistico Stephane Lissner. Ovazione del pubblico anche per il direttore musicale Dan Ettinger che ha guidato l'orchestra del Massimo, alla sua prima inaugurazione. Nella nuova produzione la principessa Turandot è la diva americana Sondra Radvanovsky, Calaf è Yusif Eyvazov, Timur è Alexander Tsymbalyuk, Liù è la stella campana Rosa Feola, la più applaudita.
    Dimenticate le cineserie, allestimento fantasmagorico sui misteri della morte e dell'amore, la Turandot sancarliana parte con un piccolo film girato nella bellissima chiesa napoletana di San Lorenzo Maggiore: Calaf e Turandot sono una coppia che litiga in auto tornando dal funerale di Timur. Sullo sfondo la paura della principessa di divenire anche lei vittima della violenza maschile, come sua nonna, ma anche la morte di Liù, ex fidanzata di Calef. Insomma, la coppia è evidentemente in crisi.
    Improvvisamente ecco la luce dei fari di un camion e il rumore di un terribile incidente. Si apre il sipario, e si entra così nella dimensione dell'opera, come in un sogno o meglio un incubo cupo. C'e' l'auto distrutta, una sala operatoria in una gabbia che salirà" e scenderà sulla scena per l'intero spettacolo. E' quella la realtà, dove Calef lotta tra la vita e la morte. In coma ha le visioni e ritrova Timur e Liù, desidera però restare in vita e non lasciare il suo amore Turandot che intanto, nell'altra dimensione, prega i medici perchè lo salvino.
    Nel secondo atto si tornerà alla scena iniziale con ruolo invertiti: è Turandot a combattere per la vita nel letto d'ospedale mentre Calef è salvo. Protagonista assoluta, in armatura da Giovanna d'Arco, ricorderà nel suo sogno la violenza subita dalla nonna che la costringe ad odiare gli uomini. La celebre scena degli enigmi esalta ancora di più l'umanità dei personaggi disegnata dal regista moscovita. Nel terzo atto, spiega, "Calef deve risolvere quello che è sospeso, incontra il padre e Liù e li lascia andare. Questo è il punto dove si interrompe la partitura per la morte di Puccini".
    Scelto musicalmente il finale breve di Alfano, il più eseguito, c'è anche la terza 'sliding doors' con il duetto d'amore e lieto fine. Riparte il film visto all'inizio, ma stavolta non succede nulla, l'incidente non c'è, tutto è stato immaginato. I due si baciano cinematograficamente. Trionfa l'amore, e il messaggio e' non ha mai senso farsi la guerra. Di cinese resta solo il gong. Per Ettinger ''Una parte di questa musica sommerge, sconvolge, anche per il carattere militaresco e dittatoriale, ci rimanda al clima di quella Europa, alla guerra, gli stupri". Le scene sono di Zinovy Margolin, firma i costumi di varie epoche Galya Solodovnikova, le luci (e le insegne luminose con le parole chiave speranza, sangue e amore) Alexander Sivaev. Sei le repliche fino al 17 dicembre. Secondo cast il 10, 13 e 16 dicembre con Oksana Dyka (Turandot), SeokJong Baek (Calaf), Amina Edris (Liù).
    Ultimo capolavoro di Giacomo Puccini lo spettacolo segna l'avvio delle celebrazioni per il centenario della morte del compositore nel 2024 ed è anche un omaggio a Maria Callas (nata nel 1923) tre volte nel ruolo nel 1949 al suo debutto napoletano. Continua a tenere banco nella serata la querelle sulla presenza del San Carlo nel dossier Unesco presentato dal ministero della Cultura per l'inserimento del canto lirico nel patrimonio mondiale immateriale. Per il presidente della Campania Vincenzo De Luca il massimo napoletano non è stato citato. Il sottosegretario GianMarco Mazzi ha mostrato intanto ai giornalisti una copia del famoso dossier. ''Voglio chiudere la polemica. Leggete. Il San Carlo c e'. Basta andare sul sito dell'Unesco''. Mazzi, si è recato nel retropalco per salutare le maestranze del Teatro di San Carlo a Napoli nell'intervallo, presenti i vertici della Fondazione lirico-sinfonica. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza