A Scampia al via la demolizione delle Vele 'Gomorra'

A Napoli parte progetto restyling in area spaccio e clan. Il sindaco de Magistris, Scampia batte Gomorra 3-0

Le Vele sono sempre state il simbolo di Scampia. E Scampia è sempre stato il simbolo della camorra, dello spaccio di droga: del male. Da oggi, forse, qualcosa cambierà. Alle ore 11.17 una ruspa colpisce la Vela Verde, uno dei palazzoni del quartiere di Gomorra. Entro 40 giorni quei 50mila metri cubi andranno giù. E in tanti, da oggi, sperano che ad andare giù, per sempre, sia anche quel male che di Scampia si è impossessato per troppi anni.

Quando si sente il primo colpo, qualcuno urla: "Abbattila e abbatti anche i pregiudizi che ci hanno addossato". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, mostra il segno della vittoria e dice: "Scampia batte Gomorra 3-0". "Per anni questa zona è stata equiparata a Gomorra invece non è così. C'è stata lotta e dignità dei cittadini di Scampia ed una bella pagina di collaborazione tra Governo e amministrazione". 

I cittadini sui balconi di fronte applaudono. E c'è qualcuno che a vedere la scena si commuove. I cittadini di Scampia questo giorno lo hanno aspettato da anni, da una vita.

In una area di Napoli per anni simbolo di degrado, spaccio di droga, camorra ma anche lotta dei cittadini per ottenere il riconoscimento dei loro diritti, parte così il progetto Re-Start Scampia che prevede, nella prima fase, l'abbattimento delle Vele A, C, D e la rigenerazione della Vela B. L'obiettivo è quello di trasformare la 'Scampia di Gomorra' in una periferia a misura dei cittadini.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie