Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Arca, 'sogno di interpretare un personaggio storico'

ANSAcom

Arca, 'sogno di interpretare un personaggio storico'

ANSAcom

In collaborazione con Giffoni Film Festival

A Giffoni l'attore incontra i giovani: "Sempre incredibile"

Giffoni Valle Piana (Salerno), 29 luglio 2023, 20:16

ANSAcom

ANSACheck

Francesco Arca - RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Arca - RIPRODUZIONE RISERVATA
Francesco Arca - RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSAcom - In collaborazione con Giffoni Film Festival

Ha dato volto al rude e muscoloso meccanico Antonio in Allacciate le cinture accanto a Kasia Smutniak diretto da Ferzan Özpetek. È stato il brillante ma tormentato vicequestore Alessandro Scudieri in Resta con me, la serie nata da un’idea di Maurizio de Giovanni. E tanti altri ruoli in film e fiction dai toni drammatici o di commedia, anche una parte nel film di James Bond Spectre, diretto da Sam Mendes.

Ma qual è il personaggio che sogna che un regista gli chieda di interpretare? Francesco Arca non ha dubbi: "Un personaggio storico - dice - mi piacerebbe davvero tanto, non so bene quale, anche con i costumi d'epoca". Arrivato a Giffoni per la seconda volta nella sua carriera, l'attore senese, classe 1979, dice: "La prima volta è stata meravigliosa ed inaspettata, ma anche oggi sono felicissimo ed emozionato e accetto sempre di buon grado di venire. È una ricarica eccezionale di energia umana che ti danno in maniera gratuita".

Sui suoi progetti racconta: "Ho appena finito una commedia romantica girata tra Roma e Napoli che uscirà tra nel 2024. Si chiama Hotspot - Amore Senza Rete con Denise Tantucci. Poi dovremmo ricominciare le riprese di Resta con me, ma non c'è niente di preciso, sarà tutto il prossimo anno. Intanto sono pronto a partire a ottobre per la Spagna per un piccolo progetto che farò là". Per quanto riguarda la sua preferenza per i ruoli più drammatici o più leggeri, spiega: "Non si può sempre puntare a uno o all'altro. Facendo la premessa che tutti i ruoli sono difficili, penso che ci siano ruoli che ti coinvolgono molto dal punto di vista anche emotivo. È il caso ad esempio di Resta con me. Dopo 7-8 mesi della fiction, andata in onda su Rai1, io penso che una persona abbia umanamente bisogno o di fermarsi o di passare totalmente a un'altra cosa. È comunque una ricarica, non si può solo dare e dare, perché alla fine diventa tutto un po' omogeneizzato e standardizzato e ci si riduce a fare lo stesso personaggio con qualche sfumatura diversa". E sottolinea: "Ecco, ad esempio la commedia romantica che ho girato mi ha permesso di usare totalmente altre corde che tutti noi abbiamo dentro ma a volte si arrugginiscono. Si fa molta più fatica a livello attoriale, ma dà molta più soddisfazione e molte più sfaccettature ai personaggi. Io penso a Favino che passa da ruoli estremamente drammatici ad altri molto comici con la stessa intensità e la stessa potenza e lo prendo come esempio". Arca ha dato un contributo forte anche nella sensibilizzazione in favore dell'ambiente partecipando al docufilm Materia viva.

"Mi sono messo una mano sulla coscienza dopo che l'ho girato - ammette - perché scopri quanto fai poco a volte per creare questa economia circolare. E dal giorno dopo mi sono messo in dubbio per cambiare alcune abitudini. Bisogna investire sui giovani, anche perché loro hanno grande capacità di ricezione e apprendimento. Noi facciamo molta più fatica anche perché abituati a insegnamenti sbagliati o proprio assenti. Nessuno a scuola ci parlava né di ambiente e neanche di educazione sessuale, adesso è diverso per fortuna".

ANSAcom - In collaborazione con Giffoni Film Festival

Da non perdere

Condividi

O utilizza