Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nuova Pescara: D'Alfonso, sindaco con pensiero metropolitano

Nuova Pescara: D'Alfonso, sindaco con pensiero metropolitano

'Città dovrà consentire a tutti di realizzare progetto di vita'

PESCARA, 15 settembre 2023, 15:02

Redazione ANSA

ANSACheck

"Un sindaco che ha incontrato, coltivato e rilanciato il pensiero metropolitano. Un pensiero urbano che sia stato strutturato da diritto, urbanistica, economia, arte, cultura, in maniera tale che sia capace, attraverso il suo indirizzo, di fare in modo che questa città consenta davvero a chiunque di realizzare il suo progetto di vita". Queste, secondo il deputato Luciano D'Alfonso (Pd), le caratteristiche che dovrà avere il primo sindaco della nuova città di Pescara, che nascerà nel 2027 dalla fusione di Pescara, Montesilvano e Spoltore.
    "Una vicenda tipo quella della nuova Pescara, parametrata al 700 o al 600 sarebbe stata una rivoluzione - osserva D'Alfonso - Nel 600 un fatto nuovo di questo tipo nasceva con lo scontro fisico e la spinta rivoluzionaria. La spinta dei centomila autoconvocati va presa su di sé e declinata intuendo molto. Ad esempio, io vorrei tanto che la nuova amministrazione realizzi la deproceduralizzazione quando l'amministrazione deve dire sì o no a chi ha un progetto di vita. E' possibile fare questo. Ci sono città nel mondo dove l'azzeramento procedurale è un dato di fatto. Così come potremmo pensare a zone a logistica semplificata per quanto riguarda l'andirivieni dei beni che servono per la vita quotidiana dei beni di famiglie e di attività commerciali. Insomma, una città nella quale ci sia uno specifico. Mi piacerebbe che Pescara fosse la città nella quale la decisione è istantanea, è immediata, a favore di chi vuole produrre ricchezza".
    "Ciò che fa ricco un territorio non sono i lingotti d'oro, ma la capacità di liberare idee e poi realizzarle. Pescara potrebbe essere questo. Se però c'è una grande alleanza, se i partiti si rompono e si rigenerano evitando di essere murati, se i sindacati concepiscono un contratto di lavoro declinato sulla straordinarietà di questa azienda nuova che nasce. Si può fare, ma serve davvero un cantiere delle buone volontà. Ogni tanto - conclude D'Alfonso - vedo lo spiffero del dispetto".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza