L'ex Michelin di Trento diventa un museo

Il progetto [lamikelin] di Scalfi Eghenter inaugurato al Muse

Redazione ANSA TRENTO

(ANSA) - TRENTO, 15 SET - Si chiama [lamikelin], è un museo senza pareti, immaginato sulle fondamenta dell'ex stabilimento Michelin di Trento, inaugurato in corso del Lavoro e della Scienza e nella lobby del Muse - Museo delle Scienze di Trento, con una visita guidata alle tracce emerse dei reparti, descritti dagli ex dipendenti della fabbrica.
    Si tratta della più recente evoluzione del progetto che Anna Scalfi Eghenter dal 2013 ha rivolto alla Michelin di Trento, con la sostanziale collaborazione dei protagonisti del progetto, gli ex dipendenti e i loro parenti, nella maggior parte associati al Gami della sezione di Trento.
    L'orientamento dello spazio del museo è dato dal posizionamento di strisce adesive verdi in corrispondenza dell'originale perimetro dello stabilimento. Tracce emerse larghe come i muri portanti, applicate sul marciapiede in corso del Lavoro e della Scienza, nelle misure concesse dai regolamenti e in collaborazione con l'Ufficio strade del Comune di Trento. E sul pavimento della lobby, grazie al sostegno al progetto da parte del Muse e del suo direttore Michele Lanzinger. Su ogni striscia è evidenziata la dicitura dello specifico reparto che ne era delimitato. I racconti di vissuto, i documenti e i ricordi di lavoro - sottolinea Scalfi Eghenter - affioreranno nel quartiere come la distesa di tulipani del progetto artistico Fiori dalla Fabbrica, che ha visto la cittadinanza coltivare il simbolo dello stabilimento sul terreno dove sorgeva.
    Oltre alle visite guidate, gli eventi, la collezione, il settore dell'educativa, l'archivio, in questo caso però al visitatore è data anche la possibilità di partecipare nella costruzione dei contenuti. Quest'anno come 'visiting curator' del museo, è invitato il gruppo curatoriale a.titolo di Torino.
    (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie