Aperti tutti gli specchi del telescopio spaziale James Webb

Prossima tappa il 24 gennaio con inserimento in orbita definitiva

Redazione ANSA

Sono stati dispiegati e testati tutti i segmenti che compongono gli specchi del James Webb: a meno di un mese dal lancio il telescopio spaziale ha superato con successo buona parte degli obiettivi previsti per la sua entrata in servizio. Prossima tappa, prevista per il 24 gennaio, sarà l’accensione dei motori per il corretto inserimento nella sua orbita definitiva denominata L2.

“Tutti i 18 segmenti dello specchio primario e secondario sono stati completamente implementati”, ha annunciato su Twitter l’amministratore della Nasa, Bill Nelson che ha proseguito: “Congratulazioni alla squadra che sin dal lancio ha lavorato instancabilmente per arrivare a questo punto. Presto Webb arriverà nella sua nuova casa L2”. A partire dal 12 gennaio i tecnici di terra hanno attivato i motori che controllano il movimento dei vari segmenti esagonali che, come un mosaico, compongono lo specchio principale e che saranno fondamentali per il corretto allineamento dell’intero specchio ed eliminare qualsiasi piccola imperfezione.

Quella appena superata era considerata un’altra delle varie tappe fondamentali da superare nel lungo percorso di operazioni che il grande telescopio spaziale, frutto della collaborazione di Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Canadese (Csa), deve superare per poter diventare operativo e iniziare la sua missione scientifica. Il prossimo passo sarà ora l’accensione dei motori, il 24 gennaio, con un’accensione che dovrà inserire il telescopio nella sua orbita definitiva, nel cosiddetto punto lagrangiano L2 che si trova a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA