Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cellule tumorali trasformiste, possono diventare fluide

Cellule tumorali trasformiste, possono diventare fluide

La scoperta apre la strada a nuove terapie

13 gennaio 2023, 08:14

Redazione ANSA

ANSACheck

Le cellule tumorali possono passare dallo stato solido a quello liquido, più pericoloso (fonte: IFOM / Università degli Studi di Milano) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Le cellule tumorali possono passare dallo stato solido a quello liquido, più pericoloso (fonte: IFOM / Università degli Studi di Milano) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Le cellule tumorali possono passare dallo stato solido a quello liquido, più pericoloso (fonte: IFOM / Università degli Studi di Milano) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un’arma a doppio taglio, che rende le cellule tumorali invisibili al sistema immunitario ma che potrebbe essere rivoltata contro il tumore stesso, è stata scoperta in una forma di cancro al seno: la chiave sta nella capacità di queste cellule di diventare ‘fluide’, e quindi più invasive, ma che allo stesso tempo le potrebbe rendere più suscettibili alle terapie.

La scoperta è di un gruppo internazionale di ricercatori guidati da Istituto Fondazione di Oncologia Molecolare (Ifom) e Università di Milano, con il sostegno di Fondazione Airc ed il contributo delle Università di Palermo e Perugia, di Istituto Europeo di Oncologia di Milano, Policlinico San Matteo di Pavia, Ospedale Cannizzaro di Catania e Policlinico Gemelli di Roma. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Materials.

Il carcinoma intraduttale mammario è responsabile di circa il 20% delle diagnosi di cancro al seno. “Per circa il 70% di questi tumori non sarebbe necessario alcun tipo di intervento, in quanto spesso regrediscono spontaneamente”, spiega Giorgio Scita dell’Università di Milano, co-autore dello studio guidato da Emanuela Frittoli e Andrea Palamidessi di Ifom. “Solo il 30% circa progredisce, dando luogo a metastasi. Il problema – prosegue Scita – è che ad oggi non ci sono strumenti per prevedere se una paziente rientrerà nel 30% o nel 70% dei casi”.

Di conseguenza, tutte le pazienti a cui viene diagnosticato questo tipo di tumore sono sottoposte alla stessa terapia, subendo effetti collaterali che per la maggior parte di loro sarebbero evitabili. Adesso, i ricercatori hanno scoperto che la capacità delle cellule tumorali di passare dallo stato solido a quello liquido, più pericoloso, è segnalata dalla presenza della proteina RAB5A. Cercando questa molecola nei tessuti tumorali delle pazienti, sarà quindi possibile capire chi ha bisogno di cure specifiche e chi invece può evitarle.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza