Sicilia
  1. ANSA.it
  2. Sicilia
  3. La mostra dell'ANSA Falcone e Borsellino all'aeroporto di Catania

La mostra dell'ANSA Falcone e Borsellino all'aeroporto di Catania

Vescovo, insegna a non essere rassegnati. Prefetto, no indifferenza

 "Chi arriva a Catania comprende che la città non ha dimenticato e continua a non girare la testa dall'altra parte. Qui sono ricordati uomini e donne che hanno dato la vita affinché la Sicilia e l'Italia siano parte di un Paese in cui la legge non è un optional, ma una condizione di vita per tutti. Mi colpisce soprattutto vedere i luoghi dove sono nati Falcone e Borsellino. Vuol dire che è la Sicilia che può salvare la Sicilia". Così l'arcivescovo metropolita Luigi Renna all'inaugurazione, alla vigilia del trentennale delle stragi mafiose di Capaci e via D'Amelio, nella zona arrivi dell'aeroporto internazionale Vincenzo Bellini, della mostra fotografica dell'ANSA, con testi e immagini, intitolata 'L'eredità di Falcone Borsellino.
    "Questo - ha aggiunto mons. Renna - ci deve insegnare a non essere rassegnati, a camminare con le nostre forze sulle nostre gambe. Falcone e Borsellino e Rita Atria, che si toglierà la vita dopo la strage di via D'Amelio, ci insegnano tutto questo.
    Beati i popoli che non dimenticano queste cose, non dimenticano cosa è accaduto trenta anni fa".
    "Questo posto un transito, un luogo di passaggio - ha sottolineato il prefetto Maria Carmela Librizzi - ma anche di riflessione per chi torna dalle vacanze e per i turisti. Questa mostra permette di raggiungere l'obiettivo di non essere indifferenti e di ricordarci quel che è successo e che non può e non deve più succedere: un impegno contro tutti i tipi di criminalità".
    " Questa mostra - ha osservato l'assessore regionale alla Famiglia, Antonio Scavone - è un percorso iconografico senza retorica, per ricordare a tutti la storia più nobile della Sicilia, fatta di coraggio e passione con l'esercizio del proprio dovere fino ad accettare anche l'estremo sacrificio. La nostra terra è nobile grazie all'esempio di Falcone e Borsellino".
    "Questa mostra è l'esempio della lotta della nostra regione nella lotta alla mafia -- ha detto la presidente di Sac, Giovanna Candura, presente all'inaugurazione con l'Ad Nico Torrisi - e quale esempio più grande di Falcone e Borsellino e delle loro squadre può esserci, di uomini che hanno creduto alla possibilità di strappare questa nostra terra la malapianta della mafia. In questo aeroporto i viaggiatori possono riflettere su questa che la nostra Isola ha dimostrato di sapere. Ricordare è importante soprattutto guardando in avanti e pensando alle giovani generazioni con l'esempio di 'martiri' che hanno creduto nel loro dovere" La mostra, realizzata dieci anni fa e ora aggiornata, con i testi dei giornalisti Francesco Nuccio e Franco Nicastro e con le immagini dell'archivio ANSA, oltre a foto inedite dell'album di famiglia dei due magistrati, nel corso degli anni è stata ospitata tra l'altro alla Camera dei Deputati, al Parlamento Europeo di Bruxelles e all'Assemblea regionale Siciliana.

   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie