Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Approvata mozione per car-sharing condominiale o di comunità

Approvata mozione per car-sharing condominiale o di comunità

Iniziativa Carissimi, Lega, per edilizia residenziale pubblica

PERUGIA, 24 ottobre 2023, 17:19

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Assemblea legislativa ha approvato all'unanimità dei presenti la mozione di iniziativa del consigliere Daniele Carissimi (Lega) volta a "promuovere il car-sharing condominiale o di comunità negli alloggi di edilizia residenziale pubblica della Regione Umbria".
    L'esponente del carroccio ha spiegato che "la mozione ha benefici per l'ambiente e l'economia delle famiglie". "L'atto - ha aggiunto - impegna la Giunta ad avviare forme di collaborazione finalizzate alla promozione e al sostegno di forme di mobility sharing di comunità o di condominio negli alloggi di edilizia residenziale pubblica presenti sul territorio regionale, compatibilmente con le esigenze organizzative e di programmazione degli interventi di Ater Umbria. La mobilità condivisa a basso impatto ambientale rappresenta da un lato la sfida più avanzata per ottenere una risposta efficace all'esigenza di un sistema di trasporto delle persone e delle merci in armonia con il territorio ed i suoi abitanti, e dall'altro costituisce per le famiglie un consistente sgravio delle spese legate al possesso e uso di un veicolo. Il car-sharing è uno strumento che concorre efficacemente a ridurre l'impatto ambientale delle emissioni inquinanti derivanti dal traffico veicolare, riducendo inoltre il numero di auto in circolazione. Questo modello apporta un vantaggio non solo ambientale ma anche economico per le famiglie, consentendo la riduzione delle spese di gestione, assicurazione e manutenzione del veicolo, che vengono distribuite su più soggetti o nuclei familiari. L'idea di condividere l'auto rientra nella logica circolare della servitization, cioè della transizione verso modelli di acquisto di un servizio piuttosto che di un bene. Soluzioni come il leasing, il noleggio e l'abbonamento sono sempre più diffuse e hanno indiscutibili vantaggi dal punto di vista della sostenibilità. Dal punto di vista ambientale, è noto che in diverse città dell'Umbria vengono costantemente superati i valori-limite di determinati inquinanti atmosferici.
    L'inquinamento da PM10 in Regione è riconducibile per l'11% alle emissioni generate dal traffico veicolare e d'altra parte l'Umbria, secondo dati dell'Aci, è la regione con il più alto numero di parco veicolare privato e auto pro-capite, con un rapporto tra numero di veicoli e abitanti sensibilmente superiore alla media nazionale. Le misure volte a implementare forme di mobilità condivisa, potenziare il trasporto pubblico e la mobilità elettrica sono in linea con il Piano regionale di trasporti 2014-2024 approvato nel 2015, con il Piano regionale delle infrastrutture per la mobilità elettrica approvato nel 2016 e con il Documento di aggiornamento del piano della qualità dell'aria regionale. Il car-sharing condominiale o di comunità è inoltre in linea con le azioni di promozione della diffusione di Comunità energetiche rinnovabili e Gruppi di autoconsumo collettivo che la Giunta è chiamata a mettere in campo in attuazione alla mozione approvata dall'Assemblea legislativa a maggio 2022".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza