Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Indagato per lesioni a figlia, disposto divieto avvicinarsi

Indagato per lesioni a figlia, disposto divieto avvicinarsi

Polizia Assisi notifica il provvedimento dopo aggressione

ASSISI (PERUGIA), 23 novembre 2023, 13:40

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Indagato per lesioni personali gravi ai danni della figlia (medicata in ospedale con una prognosi di 25 giorni dopo una aggressione), per un cinquantanovenne il gip di Perugia ha disposto il divieto di avvicinamento che è stato notificato dal personale del commissariato di polizia di Assisi.
    Secondo la ricostruzione degli investigatori, all'inizio di novembre, "per futili motivi", l'uomo aveva aggredito la congiunta, insultandola e percuotendola.
    La donna si era poi recata presso il pronto soccorso dove - si legge in un comunicato diffuso dalla Procura di Perugia - le erano state diagnosticate le lesioni.
    Il gip ha quindi ritenuto sussistenti i gravi indizi di colpevolezza e le esigenze cautelari in ordine al delitto contestato e ha emesso l'ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento. Con obbligo di mantenere una distanza di almeno 200 metri, e di comunicazione con la persona offesa.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza