Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Violenza sulle donne, a Perugia 40 associazioni in piazza

Violenza sulle donne, a Perugia 40 associazioni in piazza

Il 25 novembre corteo da piazza del Bacio a via Birago

PERUGIA, 22 novembre 2023, 16:09

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne, l'associazione Cap 06124 Aps in collaborazione con L'Unione donne in Italia di Perugia promuove un corteo nel capoluogo umbro che partirà da piazza del Bacio, dove alle ore 16.30 è prevista un'esibizione a tema dell'associazione Voci e Progetti.
    Intorno alle 17.30 il corteo attraverserà il parco della Verbanella, dove verranno letti dei brani a cura di Udi Perugia, fino all'arrivo in piazza Birago dove sono previsti gli interventi delle associazioni aderenti con performance e dibattito.
    "Si tratta - spiegano gli organizzatori in una nota - di una data simbolica che non vuole solo richiamare l'attenzione sui casi diffusi ed efferati (dovuti a retaggi vecchi e nuovi e ad atteggiamenti e strutture patriarcali presenti nelle nostre società) quali sono quelli di femminicidio, ma che chiede con urgenza un posizionamento politico e istituzionale netto, obiettivi concreti, interventi strutturali a diversi livelli e finanziamenti certi ai centri antiviolenza".
    Come si legge nella nota: "Sentiamo il bisogno di tornare in piazza, di attraversare con i nostri corpi e le nostre voci alcuni dei luoghi della città di Perugia considerati meno sicuri per le donne, per ribadire che una città è sicura solo quando le donne si sentono libere di attraversarla. Il femminicidio di Giulia Cecchettin ha lasciato un vuoto in tutte e tutti che sentiamo il bisogno di provare a colmare incontrandoci il 25 novembre e ricordando che la violenza contro le donne si combatte tutti i giorni con una cultura che valorizzi le differenze e una società che condanni la violenza di genere, senza minimizzarla".
    Hanno aderito al momento, fra i numerosi altro, alla mobilitazione, Uds Perugia, Udu Omphalos Lgbti, Associazione Voci e Progetti Altra scuola, Rete degli studenti medi Umbria Altra scuola, Rete degli studenti medi Perugia, Link Perugia, Una regione per restare, Arci Comitato uniti per Fontivegge, Emergency, Anpi, Libera Umbria, Legambiente Perugia, Associazione Margot, Rav - Rete antiviolenza.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza