Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Paola Fioroni propone gli Stati generali sul disagio giovanile

Paola Fioroni propone gli Stati generali sul disagio giovanile

'Primo momento di formazione, confronto e condivisione'

PERUGIA, 13 novembre 2023, 12:37

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Realizzare gli 'Stati generali sul disagio giovanile' per mettere a sistema tutti quei soggetti in grado di definire una rete a maglie strette per aiutare i giovani nelle loro fragilità": la vicepresidente dell'Assemblea legislativa, Paola Fioroni (Lega), invita la Regione Umbria a "farsi cabina di regia di una iniziativa sociale di fondamentale importanza".
    "Quando si parla di disagio giovanile - spiega Paola Fioroni, in un comunicato della Regione - si parla di un mondo con tante sfumature, in cui i colori dell'adolescenza si perdono nel bianco e nero dei problemi psicologici, di dipendenze e nei comportamenti a rischio reato. Un mondo fatto di tante criticità che debbono essere affrontate in maniera corale da una comunità coesa che sappia tessere reti a maglie strette fra tutti protagonisti. Famiglie, scuola, sport, associazioni, aziende sanitarie, istituzioni, forze dell'ordine, comuni, assistenti sociali, centri di aggregazione: un mondo variegato di soggetti che è necessario si mettano a confronto in maniera corale e sinergica per fissare percorsi continuativi che diano vita a programmi e progetti concreti, ma soprattutto collegati fra loro in modo che abbiano continuità e multidisciplinarieta".
    "Confido - prosegue la consigliera regionale di maggioranza - che nei prossimi mesi la Regione Umbria possa realizzare quegli 'Stati generali sul disagio giovanile', utili a costituire un primo momento di formazione, confronto e condivisione per fare una fotografia completa dell'esistente, condividere buone pratiche, scambiarsi conoscenze, affinché ciascuno per le propria competenza possa offrire un contributo ad un progetto globale che si ponga obiettivi ed azioni comuni. Occorre pensare a sistemi repressivi sempre più efficaci, ma ancor più dobbiamo riflettere su come prevenire, anticipare e curare certi processi di devianza che dobbiamo impattare il prima possibile. Educare è una responsabilità che attiene a tutti, a tutta la comunità nella sua interezza. Ogni giovane che non lasciamo cadere dalle nostre reti sociali - conclude Fioroni - è una vittoria che restituisce colore non solo alla vita dei nostri ragazzi, ma a tutto il nostro presente e futuro".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza