Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In migliaia a Firenze per ricordare Giulia

In migliaia a Firenze per ricordare Giulia

Manifestanti: 'Da sorella Cecchettin parole di consapevolezza'

FIRENZE, 22 novembre 2023, 12:07

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

In migliaia in piazza a Firenze per Giulia Cecchettin e tutte le altre vittime di femminicidio.
    La città ha risposto all'appello lanciato dal collettivo Non una di meno con una manifestazione partecipata e rumorosa: chi con pentole e coperchi, chi con fischietti, chi agitando mazzi di chiavi oppure urlando. Dietro lo striscione "Se domani sono io distruggi tutto", e al grido "Donna, vita, libertà" e "Siamo l'urlo altissimo e feroce di tutte quelle donne che non hanno voce", il corteo si è mosso da piazza Santissima Annunziata per toccare piazza Duomo, e continuare a sfilare fino a piazza della Signoria. "Non ci aspettavamo una presenza così massiccia di persone di ogni età, ci ricorda che c'è bisogno di rispondere ai casi di violenza contro le donne - dice Isabella di Non una di meno -. Si è diffusa l'idea che occorre mobilitarsi e scendere in piazza non appena accade un episodio, stringersi insieme e far sentire la nostra voce per chiedere un cambiamento consistente e delle azioni programmatiche di lungo periodo contro un fenomeno che è strutturale". Commentato le parole di Elena, la sorella di Giulia Cecchettin, ha poi aggiunto: "Sono rimasta impressionata che in un momento di dolore per quello che ha vissuto sia difficile riuscita a trovare tanta saggezza e tanta consapevolezza. Viviamo in una società costruita attorno a un privilegio e anche i maschi che non hanno mai agito con violenza devono essere alleati con noi in questa lotta, facendo un passo indietro". Al corteo, fra gli altri, l'assessore comunale Benedetta Albanese, il presidente del consiglio Luca Milani, i consiglieri Alessandra Innocenti del Pd e Dmitrij Palagi di Sinistra progetto comune, lo storico Tomaso Montanari e Dario Salvetti del collettivo Gkn.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza