Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Costruiti i primi biorobot fatti di cellule umane, gli Anthrobot

Costruiti i primi biorobot fatti di cellule umane, gli Anthrobot

Hanno riparato tessuto nervoso danneggiato

ROMA, 01 dicembre 2023, 10:45

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono pronti i primi 'biorobot' fatti di cellule umane, costruiti a partire da quelle della trachea: si chiamano Anthrobot, sono in grado di muoversi autonomamente e di assemblarsi in strutture più grandi, e hanno anche dimostrato di poter aiutare la riparazione di tessuto nervoso danneggiato coltivato in laboratorio. Il risultato, pubblicato sulla rivista Advanced Science, è stato ottenuto da un gruppo di ricercatori guidati dalle Università americane Tufts e Harvard, grazie ad uno studio che prosegue uno precedente basato su cellule embrionali di rana. La scoperta costituisce un punto di partenza che punta ad utilizzare le cellule stesse dei pazienti come nuovi strumenti terapeutici personalizzati, per la rigenerazione, la riparazione ed il trattamento delle malattie.
    Ogni Anthrobot, che ha dimensioni che variano dallo spessore di un capello umano a quello della mina appuntita di una matita, inizia come una singola cellula proveniente dalla superficie della trachea. Le cellule tracheali hanno strutture simili a ciglia che nei 'biobot' diventano mezzi per muoversi in maniera autonoma. I ricercatori non hanno modificato il Dna, ma hanno semplicemente riprogrammato le interazione tra cellule, in modo da consentirgli di assemblarsi in nuove strutture, diverse da quelle che assumono nel corpo umano. La loro capacità di incoraggiare la crescita di neuroni umani, invece, è stata una sorpresa, e non è ancora chiaro il meccanismo alla base di questo fenomeno.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza