Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La morte di Pelé, per l'Argentina 'scompare uno dei migliori', polemiche social

La morte di Pelé, per l'Argentina 'scompare uno dei migliori', polemiche social

Il tweet di condoglianze della Federcalcio Albiceleste scatena reazioni

ROMA, 30 dicembre 2022, 15:41

Redazione ANSA

ANSACheck

Ha suscitato una serie di reazioni, anche polemiche, sui social, il tweet con cui la federcalcio dell'Argentina ha espresso il proprio cordoglio per la scomparsa di Pelé. "#Profondo dolore. La @afa , attraverso il suo Presidente Claudio Tapia - è il messaggio del tweet - lamenta la scomparsa del leggendario calciatore brasiliano Pelé, uno dei migliori giocatori della storia, e invia il suo più sentito abbraccio ai suoi familiari e a tutto il Brasile". A provocare polemiche è stato il fatto di aver definito O Rei "uno dei migliori" e non il migliore della storia, segno che gli argentini continuano a considerare Maradona, Di Stefano e ora anche Messi alla pari se non superiori a Pelé. Così ecco una serie di insulti e commenti risentiti, segno di una rivalità, tra brasiliani e argentini, che non passerà mai. In nome del calcio e non solo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza