Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La sorella di un boss di Hamas tra i 39 rilasciati

La sorella di un boss di Hamas tra i 39 rilasciati

Lui è in carcere. Israele evita esultanze e disperde la folla

GERUSALEMME, 24 novembre 2023, 22:08

dell'inviato Lorenzo Attianese

ANSACheck

>ANSA-FOCUS/ La sorella di un boss di Hamas tra i 39 rilasciati - RIPRODUZIONE RISERVATA

>ANSA-FOCUS/ La sorella di un boss di Hamas tra i 39 rilasciati - RIPRODUZIONE RISERVATA
>ANSA-FOCUS/ La sorella di un boss di Hamas tra i 39 rilasciati - RIPRODUZIONE RISERVATA

   Due pullman bianchi lasciano il carcere di Ofer in Cisgiordania, diretti a Ramallah: il primo scambio frutto della tregua a Gaza si è completato. L'accordo prevedeva la liberazione di tre prigionieri palestinesi per ogni ostaggio israeliano rilasciato da Hamas e così è stato. Ma per Israele non deve essere un'occasione per prestare il fianco alla propaganda di Hamas. I mezzi con i detenuti non escono tra la folla e hanno i vetri oscurati, affinché non ci sia alcun gesto di esultanza o segno di vittoria da immortalare.

    Le trentanove persone, 24 donne e 15 minori scelti da una lista di trecento, hanno lasciato definitivamente gli istituti di detenzione israeliani nel pomeriggio: erano stati accusati di vari reati, dal lancio di pietre fino al tentato omicidio con accoltellamenti. Sono originari di varie città, da quelle più a nord come Jenin, Tulkarem e Nablus, ma anche di Gerusalemme, Betlemme, Hebron e Ramallah. Nessuno di loro ha compiuto omicidi, ma alcuni avrebbero arrecato gravi lesioni a israeliani. Tra questi ci sono Marah Bakir, condannata a otto anni e mezzo di prigione nel 2015 per aver ferito a coltellate due persone, e Fatima Numan Ali Badr, arrestata dopo aver tentato di accoltellare le guardie di sicurezza. Una delle donne rilasciate è Hanan Barghouti, 52 anni, che era stata tra le ultime ad essere arrestate quasi quattro mesi fa per terrorismo: si tratta della sorella del comandante Nael Al-Barghouti, secondo Israele un anziano membro di Hamas che sconta 33 anni di carcere per aver partecipato al rapimento e all'uccisione di un soldato israeliano. "Sono felicissima, ma non festeggeremo.

    Siamo in lutto per quello che sta accadendo a Gaza", dice sua cognata Aman, che l'aspetta a Bitunya assieme ai familiari degli altri detenuti rilasciati. Tra i liberati al momento non c'è invece Asraa Javis, la 38enne di Gerusalemme condannata a undici anni dopo che nel 2015 la sua auto andò a fuoco ad un posto di blocco mentre si trovava con il figlio. Sua madre Muntaa si era limitata dire: "Vorrei solo averla presto a casa con noi".

    L'annuncio sul rilascio dei detenuti era stato dato dal ministero degli Esteri del Qatar, Majed al-Ansari, e man mano in Cisgiordania si era sparsa la notizia del trasferimento delle detenute dal carcere di Demon verso quello di Ofer, dove in tanti si erano radunati con bandiere palestinesi: qui l'esercito israeliano ha utilizzato gas lacrimogeni per disperdere la folla che si era creata davanti all'istituto. Solo in seguito sono usciti i due pullman con a bordo i prigionieri accompagnati dai team della Croce Rossa.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza