Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Abusivismo professionale, commercialisti parte civile a Firenze

Abusivismo professionale, commercialisti parte civile a Firenze

Il commento del presidente de Nuccio e del consigliere Mazza

ROMA, 23 novembre 2023, 13:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Consiglio nazionale e l'Ordine di Firenze dei commercialisti saranno parte civile nel processo a carico di due soggetti non iscritti all'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, imputati del delitto di esercizio abusivo della professione, la cui prima udienza è fissata per il prossimo 2 febbraio nel capoluogo toscano. A darne notizia è lo stesso Consiglio nazionale della categoria, il cui presidente Elbano de Nuccio afferma che "la costituzione di parte civile è l'ennesima dimostrazione dell'impegno e della forza con la quale intendiamo affrontare il tema dell'esercizio abusivo della nostra professione, da qualunque parte esso provenga. Proprio nei giorni scorsi una inequivoca sentenza della Cassazione si è espressa sull'abusivismo professionale in tema di tenuta registri contabili e redazione dichiarazioni fiscali, confortandoci nella nostra azione che si baserà anche sul monitoraggio da parte di un pool di legali appositamente creato e dell'ufficio legale del Consiglio nazionale di tutte le segnalazioni di casi di abusivismo che riceviamo da ogni parte d'Italia".
    Il Codice penale, prosegue, "agli articoli 348 (esercizio abusivo di una professione) e 498 (usurpazione di titoli o di onori) è molto chiaro e non consente l'esercizio di una professione a chi non sia iscritto in un Albo professionale. La vigilanza per l'applicazione di tale norma rispetto alle materie contenute nel nostro Ordinamento professionale è una funzione che solo gli Ordini territoriali ed il Consiglio nazionale possono e devono esercitare e intendono decisamente farlo, senza alcuna rinuncia, nei confronti di tutti coloro che, in qualsiasi forma, si posizionino fuori da tale perimetro".
    Il Consigliere nazionale dei commercialisti delegato alla materia, Pasquale Mazza, sottolinea che "è fondamentale non perdere mai di vista quanto stabilito dalla legge 4/2013 che, a proposito delle professioni non organizzate in Ordini o collegi, esclude per loro l'esercizio di attività riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi o, comunque, sovrapponibili a quelle esercitate dagli stessi e previste dai loro ordinamenti", termina la nota.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza