Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In Italia 1.180 attuari, metà ha meno di 44 anni, il 45% è donna

In Italia 1.180 attuari, metà ha meno di 44 anni, il 45% è donna

La categoria professionale guidata da Tafaro a congresso

ROMA, 16 novembre 2023, 16:00

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel nostro Paese si contano 1.180 attuari, una professione "da anni tra le più richieste", con la domanda che cresce più dell'offerta: secondo la classifica dell'americana Careercast.com per un esponente della categoria un "il rischio di restare disoccupato è praticamente zero" e "in Italia nei prossimi 10 anni ne serviranno almeno altri mille".
    Sono dati affiorati dal congresso degli attuari, in corso a Milano. "Di quelli che ci sono oggi, metà ha meno di 44 anni, un quarto meno di 34, le donne sono il 45%" ed è una professione giovane "proiettata verso il futuro", come l'ha definita la presidente nazionale Tiziana Tafaro.
    Il calo demografico, recita una nota, "è una delle sfide che impegnano gli attuari per i contraccolpi sul sistema previdenziale, sanitario e del welfare in generale: nella Penisola i 65enni e oltre passeranno da poco più di un quinto (22%) di oggi a un terzo nel 2070. Le classi di età attiva (20-65) passeranno dal 60% di oggi a poco più della metà nel 2070". E l'invecchiamento della popolazione 'trascinerà' la quota degli anziani non autosufficienti, attualmente poco più dell'8%, al 10% nel 2050.
    Stando, dunque, all'analisi dell'attuario Luigi Di Falco, siamo dinanzi a fenomeni che possono esser definiti "tsunami d'argento" e baby sboom".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza