Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al via la Cop 28, accordo sugli aiuti ai Pesi poveri

Al via la Cop 28, accordo sugli aiuti ai Pesi poveri

L'allarme dell'Onu, 'il 2023 sarà l'anno più caldo di sempre'

ROMA, 01 dicembre 2023, 08:39

di Stefania De Francesco

ANSACheck

COP28 AL VIA, IL MONDO INDIETRO CONTRO IL GLOBAL WARMING © ANSA/AFP

COP28 AL VIA, IL MONDO INDIETRO CONTRO IL GLOBAL WARMING © ANSA/AFP
COP28 AL VIA, IL MONDO INDIETRO CONTRO IL GLOBAL WARMING © ANSA/AFP

Si è aperta con un accordo definito da molti "storico" la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Conferenza delle Parti-Cop28) a Dubai. Il primo atto delle 198 Parti (197 nazioni più l'Unione europea) partecipanti è stato di rendere operativo il fondo 'Loss & damage' presso la Banca mondiale con aiuti ai Paesi più poveri e vulnerabili, in genere i più colpiti da eventi meteorologici sempre più estremi. Mentre dall'Organizzazione meteorologica mondiale arriva l'ennesimo appello ad agire prima che si troppo tardi: "Il 2023 - conferma le previsioni - sarà l'anno più caldo di sempre".
Il fondo per i Paesi più poveri era stato approvato come principio l'anno scorso nella Cop27 a Sharm-El-Sheikh, in Egitto. I primi contributi dichiarati sono per circa 280 milioni di dollari. Pur riconoscendo l'importanza dell'accordo per la "giustizia climatica", la presidente del Gruppo dei 46 paesi meno sviluppati, Madeleine Diouf Sarr, ha osservato che "un fondo vuoto non può aiutare la nostra gente": "Il lavoro è lontano dall'essere completato", ha commentato l'alleanza dei piccoli stati insulari (Aosis). E Rachel Cleetus, del gruppo americano Union of Concerned Scientists (Ucs), ha sottolineato che "sono attese promesse in miliardi non in milioni".

Un accordo "storico" per Climate Action Network (Can), la più grande rete al mondo di ong (oltre 1.900 in più di 130 paesi) anche se "l'attenzione - è stato spiegato - deve ora concentrarsi sulla causa principale della crisi climatica, con un piano per eliminare gradualmente i combustibili fossili".

Al fondo L&D sono arrivati i primi impegni (100 milioni di dollari dal Paese ospitante la Cop28, gli Emirati Arabi Uniti, altri 100 dalla Germania, 17,5 milioni dagli Usa, 10 milioni dal Giappone, 60 milioni di sterline dalla Gran Bretagna), gli altri dovrebbero essere dichiarati tra domani e sabato dai capi di Stato e di governo negli interventi di alto livello. La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, è intanto arrivata a Dubai e interverrà sabato alla Cop. Si vedrà cosa metteranno sul piatto Cina (il più grande inquinatore assieme agli Usa ma considerato in via di sviluppo), India e i 'petrol-Stati' Arabia Saudita, Russia e Brasile.
Il giorno inaugurale della Cop, dedicato a definire l'agenda dei lavori che dureranno fino al 12 dicembre, è stato aperto con un minuto di silenzio per le vittime del conflitto a Gaza.

Intanto l'Onu, attraverso l'Organizzazione mondiale della meteorologia, ha confermato che il 2023 sarà l'anno più caldo di sempre. "I livelli di gas a effetto serra sono da record. Le temperature globali sono da record. L'innalzamento del livello del mare è da record. Il ghiaccio marino antartico è ai minimi storici" ha avvertito il segretario generale dell'agenzia dell'Onu, Petteri Taalas. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha reagito alla notizia dicendo: "Stiamo vivendo il collasso climatico in tempo reale".

Aprendo i lavori, il presidente della Cop28 Sultan Al Jaber ha sottolineato che è stata "la prima volta che una decisione" quella su L&D "è stata adottata il primo giorno di una Cop e anche la velocità con cui lo abbiamo fatto è unica". Ha quindi esortato i delegati a "garantire di includere il ruolo dei combustibili fossili nel documento finale". Petrolio, gas, carbone e metano sono i principali responsabili dei gas serra, all'origine dell'innalzamento della temperatura globale e dei cambiamenti climatici. "La Cop può dare risultati e lo farà" ha assicurato Al Jaber (che è Ad della compagnia petrolifera di Stato e nel contempo guida una azienda emiratina di energia rinnovabile).

Sul tema delle fonti fossili, fortemente divisivo, il capo delle Nazioni Unite per il clima, Simon Stiell ha detto: "Se non decidiamo la fase terminale dell'era dei combustibili fossili come la conosciamo, accettiamo il nostro declino terminale. E scegliamo di pagare con la vita delle persone". Un obiettivo centrale della Cop28 sarà proprio il bilancio dei progressi di ciascun Paese nel taglio dei gas serra, come previsto dall'Accordo di Parigi del 2015.

Papa Francesco ha auspicato su X che la Conferenza mostri "la nobiltà della politica, non la sua vergogna".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza