Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Prima del San Carlo, Turandot favola 'sliding doors'

Prima del San Carlo, Turandot favola 'sliding doors'

9 dicembre, regia di Barkhatov, la star Radvanovsky protagonista

NAPOLI, 05 dicembre 2023, 20:27

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dà il via alle celebrazioni per il centenario della morte di Giacomo Puccini (1924-2024) e chiude quelle della nascita di Maria Callas la 'Turandot' che sabato 9 dicembre (ore 20) apre la stagione del Teatro di San Carlo, a Napoli. Sul podio, alla testa dell'orchestra e del coro del massimo, il direttore musicale Dan Ettinger, che sottolinea "l'estrema attualità dell'opera", alla sua prima inaugurazione sancarliana. Il regista è il lanciatissimo moscovita Vasily Barkhatov che debutta in un teatro italiano.
    Nel cast di grandi voci Sondra Radvanovsky considerata la migliore Turandot dei nostri tempi, Alexander Tsymbalyuk (Timur), Yusif Eyvazov (Calaf), Rosa Feola (Liù). "In questa produzione desideravo preservare la bellezza del trionfo finale dell'amore che sembra un super happy end, un concentrato di tutti i lieto fine della storia dell'opera", spiega il regista anticipando una 'Turandot' (celebre incompiuta pucciniana) con un finale, che l'autore come è noto non scrisse, addirittura 'sliding doors'. Sottolinea poi la voglia di attribuire "un maggior valore umano ai protagonisti, conservando il carattere originale e la bellezza della fiaba". E aggiunge: "Ma niente cineserie. Non sarà una lettura classica. Ho cambiato canale", lasciando così prevedere una versione molto originale di un racconto tra vita e morte, con un prologo sotto forma di film, e poi in scena una macchina incidentata e un ambulanza.
    Turandot vestirà anche un'armatura da Giovanna D'Arco, i personaggi avranno costumi di diverse epoche, così come le scene. "Le regie di Turandot sono un po' tutte uguali - nota il soprintendente Stephan Lissner - oggi e' giusto cercare un legame tra libretto, storia e il nostro mondo. Non torno sul tema dei femminicidi, che c'è. Dico solo che in questo momento drammatico mi sembra sia doveroso dimostrare che il nostro lavoro non è solo divertimento e piacere ma anche riflessione sul mondo attuale. Ho chiesto questo al regista e sono felice di ciò che ha realizzato".
    Sette le recite per la nuova produzione, fino al 17 dicembre. Nel secondo cast Turandot è Oksana Dyka, Timur- Alexander Tsymbalyuk, Calaf- Seokjong Baek, Liù-Amina Edris.
    Prima su Rai Cultura su Rai5 alle 21.15
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza