Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Chiude per debiti il club che ha visto nascere gli Oasis

Chiude per debiti il club che ha visto nascere gli Oasis

Dal palco del Moles di Bath sono passati pure Pulp o Ed Sheeran

LONDRA, 05 dicembre 2023, 12:24

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Chiusura causa debiti in vista per il Moles di Bath (Inghilterra meridionale), uno dei club musicali storici più apprezzati dellla scena britannica underground dell'ultimo mezzo secolo, culla di future star come gli Oasis o Ed Sheeran. Lo riportano i media del Regno Unito, citando l'annuncio sconsolato della proprietà, costretta a portare i libri contabili in tribunale dopo una dichiarazione d'insolvenza.
    L'aumento dei costi di gestione e le ultime crisi - dall'emergenza Covid all'impennata d'inflazione e bollette dei mesi scorsi - "ci hanno stroncato", ha detto Tom Maddicot, uno dei comproprietari. "È un epilogo orrendo, ma la verità è che la musica dal vivo, al livello di base, non è più un'attività economicamente sostenibile", ha aggiunto in tono di resa definitiva.
    Fondato oltre 45 anni fa, nel 1977, da Philip Andrews, grazie a un contratto di affitto iniziale pari allora ad appena 2000 sterline annue, il club di George Street - capace di accogliere fino a 220 spettatori - più di recente era stato interamente ristrutturato dopo quasi un quinquennio di semi-abbandono. Negli anni il suo palco ha visto esibirsi artisti e band come Blur, The Killers, Pulp, Tori Amos, Fatboy Slim, The Cure, Bastille, Eurythmics, George Ezra, The Smiths, Massive Attack o Wolf Alice: molti dei quali ai loro esordi.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza