Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il debutto di Sean McGirr da Alexander McQueen

Il debutto di Sean McGirr da Alexander McQueen

Cita collezione Birds 1995, poi maglia scultorea e abiti corazza

PARIGI, 03 marzo 2024, 13:39

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Attesissimo debutto a Parigi, dove il giovane stilista irlandese Sean McGirr ha presentato la sua prima collezione per la maison britannica Alexander McQueen, parlando di 'ruvida opulenza', ma anche di silhouette compresse e allungate (con gli scenografici colli scultorei), forme avvolgenti e tanta maglieria iper-lavorata. Una collezione di forte impatto, che racchiude tanti temi e riprende alcuni motivi iconici del percorso creativo del geniale Lee Alexander McQueen.
    Proprio McGirr, nominato a ottobre 2023, aveva dichiarato in un'intervista pubblicata in esclusiva su Vogue il giorno prima dello show, di aver iniziato a lavorare sulla collezione studiando la sfilata Birds (1995), chiaramente ispirata al noto film di Hitchcock. Ma c'è di più. C'è anche un tocco di gusto surrealista, probabilmente appreso nella sua precedente esperienza lavorativa con Jonathan Anderson (in passato McGirr ha lavorato anche per Dries van Noten e Uniqlo) e tanta voglia di portare il suo innovativo e sperimentale approccio alla maison.
    In tutto sono 52 look, ognuno di forte impatto visivo, in una passerella dal set industriale allestita in una vecchia stazione ferroviaria al 13/mo arrondissement di Parigi, ora trasformata in un centro urbano. Sfilano cappotti dalle spalle spigolose (chiusi da una grande spilla da balia), maglieria monumentale con maniche lunghissime e colli tanto esagerati da coprire parte del viso (con forme a ciambella sovrapposte), maxi cappotti in shearling, impermeabili dalla vita fasciata, gonne a matita, abiti drappeggiati e abiti scultorei in simil alluminio cromato, che ricordano la carrozzeria delle automobili sportive. Focus poi sulle calzature, soprattutto i boots con la punta bombata e lo stivaletto con plateau e coda di cavallo aggiunta sul retro (altro riferimento all'archivio).
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza