Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Viterbo, stampa locandine per trovare il suo aggressore

Viterbo, stampa locandine per trovare il suo aggressore

76enne tappezza di cartelli la zona dove è stato picchiato

ROMA, 07 dicembre 2023, 19:11

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Le singolari locandine con sopra la richiesta di aiuto sono comparse nei giorni scorsi, affisse su vari muri intorno alla scuola Canevari a Viterbo.
    Secondo il 76enne autore dei cartelli, la sua presunta aggressione si sarebbe consumata il 23 novembre intorno alle 16, quando, sarebbe stato colpito alla testa da uno sconosciuto, mentre aspettava seduto in macchina la nipote che stava uscendo dalla scuola.
    A seguito del colpo, presumibilmente un pugno sferrato attraverso il finestrino aperto della vettura, il 76enne è svenuto accasciandosi sul sedile del passeggero.
    Alcuni passanti vedendolo riverso all'interno della vettura hanno chiamato il 118, che giunto sul posto, ha provveduto a trasportare l'uomo all'ospedale Belcolle di Viterbo.
    Il 76enne dopo una serie di esami clinici è stato dimesso dall'ospedale il giorno dopo, con una prognosi di guarigione di 7 giorni. Sarebbe stato il posto di polizia dell'ospedale viterbese a inoltrare denuncia d'ufficio.
    "Voglio solo ringraziare il personale medico - ha detto all'ANSA - sono stato assistito da medici e personale medico con perizia professionale e grande umanità.
    Purtroppo - ha concluso - non sono riuscito a vedere chi mi ha aggredito, dopo il colpo sono svenuto e mi sono risvegliato in serata all'ospedale." Sembra che l'uomo abbia stampato e affisso le locandine proprio con la speranza di dare un volto al suo aggressore.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza