Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Moglie homeless morto di freddo, suo fratello ricco in Senegal

Moglie homeless morto di freddo, suo fratello ricco in Senegal

Donna, Seydou era laureato, lavoravamo con le Ong

GENOVA, 07 dicembre 2023, 19:56

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Seydou era mio marito, anche se eravamo separati. Sapevo che era andato a Rimini. Ma da un anno non avevo sue notizie. Non era un clochard, sto cercando di capire cosa gli sia successo da quando non lo sentivo più". E' quanto dice Maranna Lunardoni, moglie di Seydou Diallo, il clochard di 62 anni (e non 72 come emerso in un primo momento) trovato morto per il freddo su una panchina davanti alla stazione Principe di Genova la notte tra il 4 e il 5 dicembre.
    "Siamo stati sposati per 15 anni - continua la donna - e abbiamo lavorato insieme in tanti paesi africani con diverse Ong. Era arrivato in Italia negli anni '80. Era laureato. Suo fratello è il terzo uomo più ricco del Senegal e all'inizio ci aiutavano. Ma aveva un problema di dipendenza dall'alcol per questo ha perso tantissimi lavori. E anche per l'alcol poi ci siamo separati".
    Ieri la Caritas diocesana aveva lanciato un allarme sulla carenza di posti per accogliere i senzatetto. "Mi chiedo come sia finito così. Mi ha avvisato la Polfer che lo ha identificato dalle impronte. Ma non riesco a capire come mai lui stesso non abbia mai fatto il mio nome per essere aiutato", ha detto ancora.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza