Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gratteri, "Inutile chiedersi se c'è patriarcato, andare avanti"

Gratteri, "Inutile chiedersi se c'è patriarcato, andare avanti"

"Su violenza di genere in ritardo su prevenzione e istruzione"

NAPOLI, 01 dicembre 2023, 11:07

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"E' inutile stare a dirci se c'è o non c'è il patriarcato, non perdiamo tempo, diciamoci invece cosa c'è da fare, cosa dobbiamo fare". Lo ha detto il procuratore di Napoli Nicola Gratteri che oggi, a sorpresa, è intervenuto al VII congresso annuale dell'Accademia Italiana di Scienze Forensi che ha preso il via ieri nella sala Arengario del Nuovo Palazzo di Giustizia di Napoli.
    "Oggi siamo tutti nel pallone per la violenza sulle donne, - ha detto ancora il procuratore di Napoli - e lo siamo perchè siamo in ritardo, sul piano piano culturale, sul piano dell'istruzione, sul piano della pianificazione e prevenzione. E tutti abbiamo sensi di colpa, nessuno può dire di non averli.
    Ognuno di noi sicuramente poteva fare qualcosa in più".
    Secondo Gratteri il monitoraggio dei social è fondamentale per la prevenzione: "Andiamo subito a studiare i profili di questi giovani, di questi ragazzi chiusi, quelli che non parlano. Per me i più pericolosi sono quelli che stanno fermi come pietre, quelli che non hanno amici, quelli che escono dalla scuola e si chiudono in una stanzetta". "Quelli - ha ribadito il procuratore di Napoli - sono i giovani a rischio, che invece devono essere studiati e decriptare. E l'insegnante deve buttare il cuore avanti, anche se vengo pagato male, se non sono considerato sul piano sociale: devo a parlare con questi giovani altrimenti succede quello che abbiamo visto in televisione in queste ultime settimane".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza