Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Architetti e urbanisti Bari, 'tutelare gli edifici del '900'

Architetti e urbanisti Bari, 'tutelare gli edifici del '900'

Lettera al Comune dopo notizia abbattimento palazzo Mangini

BARI, 16 febbraio 2024, 12:53

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Capire in che modo il Comune di Bari intende tutelare il patrimonio architettonico del Novecento presente in città. È quanto intendono sapere architetti e urbanisti che in una lettera comune, chiedono al sindaco Antonio Decaro se vuole "continuare ad assistere alla libera iniziativa privata" di valorizzazione architettonica oppure se vuole invece "provare a governare questi complessi processi urbani" alla luce della "identità culturale" della città. Le obiezioni sono successive all'aver appreso che "al posto della sede storica del quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno", in via Scipione l'Africano, progettata da Onofrio Mangini, sorgerà un condominio". "Ci rammarica che Bari, nonostante abbia sul proprio territorio pregevoli opere a firma di grandi architetti, non abbia ancora predisposto l'apposita variante al piano regolatore", evidenzia il presidente dell'ordine degli architetti, Cosimo Damiano Mastronardi.
    "L'abbattimento della vecchia sede della Gazzetta, esempio di qualità architettonica, è una occasione persa", afferma Mauro Sàito, presidente di Docomomo Italia sezione Basilicata- Puglia Ets proponendo una alternativa. "Un progetto di maggior utilità pubblica avrebbe potuto sfruttare lo spazio pubblico potenziale dell'attuale piazza di accesso all'edificio di Mangini - sostiene - con una permeabilità, almeno pedonale, tra via Scipione l'Africano e via Raffaele Gorjux. Nei volumi esistenti da ristrutturare avrebbero potuto ubicarsi spazi verdi e di aggregazione aperti al quartiere, oltre che attività di servizio ovvero luoghi di lavoro e di residenza ispirati a nuovi modelli insediativi".
    "L'eventuale rinuncia a quest'edificio storico - continua - avrebbe potuto comportare un'innovativa proposta architettonica altrettanto qualitativa oggi limitata a una mera sostituzione immobiliare".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza