Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ex Ilva: protesta imprenditori indotto, 'paghino fatture'

Ex Ilva: protesta imprenditori indotto, 'paghino fatture'

In catene davanti alla Prefettura, poi presidio sotto Municipio

TARANTO, 13 febbraio 2024, 10:23

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Prosegue a oltranza la protesta degli imprenditori dell'indotto ex Ilva aderenti ad Aigi, che hanno mantenuto anche durante la notte un presidio davanti alla prefettura diTaranto e poi si sono spostati sotto la sede del municipio. Le imprese invocano tutele per i crediti vantati nei confronti di Acciaierie d'Italia (almeno 140 milioni di ero) che rischiano di perdere in caso di ricorso all'amministrazione straordinaria, così come avvenne nel 2015 quando l'Ilva (si chiamava ancora così) fu commissariata e andarono in fumo crediti per 150 milioni.
    DIversi imprenditori si sono incatenati e hanno occupato la strada davanti a palazzo del governo. Nelle vicinanze sono stati montati dei bagni chimici. Ieri una rappresentanza dei manifestanti è stata ricevuta dal prefetto Paola Dessì, a cui sono state consegnate simbolicamente le chiavi dell'azienda. Poi una delegazione si è spostata a Bari per incontrare il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e gli assessori allo Sviluppo Economico Alessandro Delli Noci e al Lavoro Sebastiano Leo. Aigi sollecita risposte avendo "constatato - è scritto in una lettera al prefetto - l'assenza di responsabilità politica a tutela delle imprese che hanno consentito alla grande fabbrica di essere considerata strategica per il Paese".
    Le imprese dell'indotto hanno sospeso da diversi giorni le attività per il Siderurgico e in molti casi hanno dovuto fare ricorso alla cassa integrazione per i lavoratori. La protesta ora si è spostata sotto Palazzo di città. "L'unica possibilità - ha commentato Fabio Greco, presidente di Aigi - è un accordo bonario tra le parti per poter pagare i crediti immediati ai nostri fornitori. Questo ci darebbe la possibilità di ripartire".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza