Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sindacati a Palazzo Chigi sull'ex Ilva, 'è il punto finale'

Sindacati a Palazzo Chigi sull'ex Ilva, 'è il punto finale'

'La situazione è sempre più critica'. 'Chiediamo verità'

ROMA, 09 novembre 2023, 13:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I sindacati sono a palazzo Chigi dovesono stati convocati per un incontro sull'ex Ilva con i capi di gabinetto dei ministeri interessati, quelli del Sud, delle Imprese e del Lavoro, e della presidenza del Consiglio.
    L'ultima riunione si era svolta il 20 ottobre. I sindacati continuano a sollecitare il passaggio dello Stato nella maggioranza del capitale di Acciaierie d'Italia e chiedono chiarezza sul memorandum of understanding sottoscritto dal governo con Arcerol Mittal l'11 settembre scorso.
    "Siamo al punto finale", dicono entrando all'incontro. È "un incontro importantissimo", spiega il segretario generale della Fim Cisl, Roberto Benaglia, "viene due settimane dopo la manifestazione, che è riuscita, e in queste due settimane la situazione non ha fatto altro che peggiorare, c'è il tema della mancanza di liquidità, degli impianti fermi, della sicurezza".
    Benaglia chiede al governo di decidere chi è il successore del presidente della società Franco Bernabè, visto che la situazione del cda è bloccata, e soprattuto come dare un assetto definitivo all'ex Ilva. "Si susseguono notizie e si susseguono anche fatti gravi all'interno degli stabilimenti a partire da degli ultimi giorni, il deragliamento e lo svuotamento di materiale incandescente. La situazione continua a diventare veramente pesante", aggiunge il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, chiedendo "verità". Eppure le condizioni per il rilancio ci sono, secondo il segretario generale della Fiom, Michele De Palma. "Se decidesse il mercato, saremo un punto di riferimento della siderurgia in Europa. Noi siamo l'unico Paese - spiega De Palma - in cui, invece, non c'è né il mercato che decide né un'azienda che decide. Quello che sta decidendo tutto è il fatto che tenere ferma l'Ilva, non intervenire sugli impianti, sta determinando l'eutanasia dello stabilimento".

 

 
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza