Press Release

  • CRV - Stappa per Brain, stappa per la vita: raccolta tappi di sughero per Brain Traumi Cranici Onlus
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Stappa per Brain, stappa per la vita: raccolta tappi di sughero per Brain Traumi Cranici Onlus

Presentata oggi l’iniziativa in Consiglio regionale del Veneto

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Sociale – “Stappa per Brain, stappa per la vita”: presentato in Consiglio regionale il progetto di raccolta dei tappi di sughero da riciclare per sostenere l’Associazione Brain Traumi Cranici Onlus

(Arv) Venezia 21 dic. 2021 -   “Stappa per Brain, stappa per la vita” Così Elisabetta Mondin presidente della Cooperativa Sogno e Vita ha voluto concludere la conferenza stampa che a palazzo Ferro Fini ha visto la presentazione del progetto “Stappa per Brain” rivolto a tutti i cittadini per “recuperare i tappi di sughero delle bottiglie – ha spiegato Elisabetta Mondin - che verranno raccolti dalla nostra cooperativa e inviati alla società Amorim Cork  Italia che si sta specializzando nel riciclo e riuso di questo prodotto. Con il ricavato della raccolta si finanziano una serie di iniziative dell’Associazione Brain Traumi Cranici Onluss di Altavilla Vicentina”. Il progetto è stato introdotto dal presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti: ““Non data da oggi il progetto ‘Stappa per Brain’ ma oggi questa iniziativa promossa dell’Associazione Brain Traumi Cranici odv di Altavilla Vicentina in cooperazione con la Cooperativa Sogno e vita assume un nuovo e importante significato grazie alla società Amotrin Cork Italia: da Venezia, dal Consiglio regionale, lanciamo un progetto che riassume in sé i valori della solidarietà coniugandoli con il tema dell’economia circolare, cioè un modello produttivo ecosostenibile: anziché gettar via i tappi di sughero, riutilizziamoli cogliendo un duplice risultato: aiutiamo una associazione a fini sociali e difendiamo l’ambiente.  Pertanto invito tutti i Veneti a non gettar via già durante le festività e nei mesi a venire i tappi di sughero a raccoglierli aiutando così non solo l’associazione Brain ma anche la natura” “L’elemento straordinario di questo progetto, il riuso e riciclo dei tappi di sughero – ha proseguito Ciambetti - sta nel vedere la collaborazione di una associazione onluss impegnata dal 1993 a sostenere il recupero delle persone colpite da lesioni cerebrali, una Cooperativa Sociale e una impresa che ha fatto dell’etica il suo tratto distintivo dimostrando che non solo è possibile un modello di sviluppo ecosostenibile ma anche etico-sostenibile, creando ricchezza vera, veri posti di lavoro, arricchendo contestualmente l’intera comunità con quel dividendo che si chiama valore sociale”. Alle parole di Ciambetti ha fatto eco Carlos Santos Amministratore delegato di Amorim Cork Italia: “Fare impresa oggi è una sfida e la prima sfida di ogni impesa oggi è la sostenibilità. Noi abbiamo creato questo progetto una decina di anni fa che coinvolge oggi 45 onluss: intercettare e raccogliere i tappi di sughero usati. Ogni anno in Italia oltre un miliardo di tappi di sughero finiscono tra i rifiuti: uno spreco inconcepibile di un prodotto prezioso perché il sughero è un materiale 100 per cento naturale e il miglior isolante termico che esista in natura: gettare nella spazzatura questa materia prima è uno spreco inconcepibile. Io lancio qui un’altra sfida: dotare i comuni e gli ecocentri dei punti di raccolta dei tappi di sughero che possono trovare una nuova vita, un nuovo uso. Con i tappi di sughero che ricicliamo noi produciamo oggetti di design, arredamento soprattutto, ma non solo, per le cantine e i produttori vitivinicoli. Abbiamo aperto anche una nuova frontiera: utilizzeremo il sughero nei parchi gioco dei bambini sostituendo così la gomma e la plastica: i pavimenti dei parchi giochi di bambini potranno essere fatti con il sughero riciclato, quindi con un prodotto ecosostenibile e naturale. Come impresa abbiamo fatto una scelta chiara: abbiamo dimostrato che si può essere presenti nel mercato, in maniera innovativa e altamente competitiva, aiutando però anche quel fantastico mondo del volontariato, come l’associazione Brain di Altavilla. che abbiamo iniziato a conoscere e apprezzare in questi anni” Elisabetta Mondin ha concluso l’evento veneziano spiegando che “è possibile, per chi fosse interessato alla raccolta dei tappi, contattare la nostra associazione dal sito https://riabilitazionetraumacranico.it/ oppure scrivendoci una mail all’indirizzo info@associazionebrain.it”.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Modifica consenso Cookie