Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Balneari: proroga automatica non è reato, bagni assolti a Genova

Balneari: proroga automatica non è reato, bagni assolti a Genova

Dall'indagine era partita battaglia giudiziaria sulla Bolkestein

GENOVA, 29 novembre 2023, 17:08

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 E' stato assolto Claudio Galli, titolare dello stabilimento balneare Liggia a Genova, spiaggia nel quartiere di Quarto da dove era partita la guerra giudiziaria sulle concessioni demaniali e la direttiva Bolkestein, con sequestri, ricorsi e indagini che si sono allargate ai bagni di tutta Italia. Galli era accusato di occupazione abusiva di demanio pubblico perché, secondo il pubblico ministero Walter Cotugno, avrebbe gestito lo stabilimento senza concessione. Il giudice lo ha assolto "perché il fatto non costituisce reato".
    L'odissea giudiziaria dei bagni Liggia era iniziata nel 2019.
    La Capitaneria di porto era intervenuta perché Galli aveva abbattuto il muretto di uno stabilimento vicino. Il Comune aveva dato il via libera ma il pubblico ministero aveva indagato il titolare, assistito dall'avvocato Michele Ciravegna, per un altro motivo: l'area su cui insistono i bagni sarebbe stata occupata abusivamente in violazione della direttiva Bolkestein.
    I bagni vennero sequestrati, poi dissequestrati e infine di nuovo sequestrati. Nel frattempo il giudice per le indagini preliminari aveva ordinato alla procura di indagare sulle concessioni di tutta Italia. Procedimento, quest'ultimo, ancora pendente a carico di ignoti. Da ultimo la procura ha assegnato lo stabilimento al Comune per farlo mettere a gara. E Palazzo Tursi lo aveva riassegnato al titolare dopo una pronuncia del Tar. "Siamo molto soddisfatti - sottolinea l'avvocato Ciravegna - ovviamente aspettiamo di leggere le motivazioni. Si tratta di una pronuncia importante non solo per Galli ma per tutta la categoria dei balneari".
    La settimana scorsa le sezioni unite civili della Cassazione hanno annullato con rinvio a una nuova adunanza, la decisione dei giudici amministrativi emessa nel novembre 2021 con la quale bocciavano la proroga delle concessioni fino al 2033.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza