Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mostra permanente dei detenuti nei corridoi di Regina Coeli

Mostra permanente dei detenuti nei corridoi di Regina Coeli

Dieci opere realizzate insieme all'Istituto Europeo di Design

ROMA, 29 novembre 2023, 12:18

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dieci opere realizzate da piccoli gruppi di detenuti e studenti, e dedicate alle vite intime degli stessi residenti di Regina Coeli. Dieci stampe che da oggi resteranno sui muri di un lungo corridoio, che separa la prima dalla seconda rotonda della Casa Circondariale, punto di passaggio costante per chi tra quelle mura trascorre le sue giornate. Sono gli esiti del progetto "Regina Stories", curato dall'Istituto Europeo di Design di Roma insieme a Regina Coeli.
    Un lavoro multidisciplinare che ha visto impegnarsi per sei mesi studenti, docenti, e detenuti in lavori che esplorano l'identità di questi ultimi attraverso oggetti, luoghi e relazioni.
    Un lavoro che, da oggi, diventa una mostra permanente all'interno della Casa Circondariale. Tre i laboratori avviati dal progetto, che hanno coinvolto quindici detenuti, dodici studenti e tre docenti Ied Roma: un laboratorio di illustrazione, curato dall'artista, architetta Laura Federici, uno di fotografia, curato dalla fotografa Simona Ghizzoni, e un ultimo di design del gioiello, curato dalla designer Barbara Brocchi. Ne sono derivati collage e illustrazioni che evocano ricordi e legami, scatti fotografici che mettono in luce dettagli e cicatrici, sculture di carta, che raccontano passioni personali.
    "Insegniamo ogni giorno ai nostri studenti che l'immaginazione si nutre delle differenze -commenta Laura Negrini, direttrice Ied Roma -Se si mettono in contatto mondi in apparenza lontani l'energia che si libera è inesauribile e si muove in tutte le direzioni".
    La mostra è stata presentata stamani alla presenza, tra gli altri, di Claudia Clementi, direttrice di Regina Coeli che ha commentato: "Due mondi apparentemente distanti, quello dello Ied e quello di un istituto penitenziario. Eppure, da anni questi due mondi percorrono insieme una strada luminosa che, mi piace sottolineare, non porta bellezza dove non c'è, ma aiuta la bellezza nascosta a manifestarsi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza