Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Contro femminicidi e per Palestina', occupati due licei a Roma

'Contro femminicidi e per Palestina', occupati due licei a Roma

Studenti, 'la lotta continua, facciamo rumore'

ROMA, 28 novembre 2023, 14:37

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Tra fumogeni rossi, manifesti calati dalle finestre, e bandiere della Palestina occupati a Roma i licei Ripetta e Giorgi Woolf. Gli studenti proseguono con la mobilitazione "per una nuova scuola pubblica; soldi alla scuola non alla guerra; opposizione al minuto di silenzio ipocrita di Valditara, lotta per la liberazione femminile; solidarietà alla Palestina", fa sapere il movimento studentesco Osa. "Di particolare valore è la visione generale che gli studenti del Ripetta danno alla loro protesta, solidarizzando con la Palestina, opponendosi a un governo reazionario come quello attuale", precisano gli studenti parlando anche del tema femminicidio e violenza. "Contro la violenza di genere non staremo zitti e buoni come vorrebbe Valditara, coi suoi minuti di silenzio, ma faremo rumore", dicono i giovani. "Dopo il 17 e il 25 novembre la lotta degli studenti continua!", proseguono i giovani.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza