Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

25 novembre: a Viterbo flashmob e istallazione dell'università

25 novembre: a Viterbo flashmob e istallazione dell'università

L'opera è stata realizzata degli studenti di Unituscia

ROMA, 25 novembre 2023, 10:58

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un'istallazione nella centrale piazza del Plebiscito e tante scarpe portate dai cittadini e dipinte di rosse in un flashmob che ha visto insieme , studenti dell'università della Tuscia e istituzioni.
    "Paint it Red" il titolo dell'iniziativa durante la quale Sonia Melchiorre responsabile per il Gender Equality plan dell'Università con l'assessora alle Politiche Sociali, Patrizia Notaristefano e alla presenza del rettore Stefano Ubertini hanno presentato l'opera contro la manipolazione affettiva "Attraverso lo sguardo, Oltre le Parole. Un progetto contro il Gaslighting". L'opera è stata realizzata dagli studenti del corso di Design per L'industria Sostenibile e il Territorio.
    Le studentesse e gli studenti del terzo anno del corso hanno partecipato a un processo di progettazione collettiva, focalizzato sulla riflessione su cosa costituisca la violenza e su quale messaggio possa emergere da tale contesto.
    L'opera vuole far riflettere sulla pericolosità della manipolazione affettiva (gaslighting) e vuole riconoscere alle donne che vivono in questa condizione la dignità di essere viste e aiutate.
    Le scarpe dipinte di rosso, sono poi state collocate in vari punti della città come 'pietre d'inciampo' per non dimenticare.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza