Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ammanco su conti di Vacchi, chiesto processo a ex amministratori

Ammanco su conti di Vacchi, chiesto processo a ex amministratori

Coppia sarda accusata appropriazione indebita e autoriciclaggio

TEMPIO PAUSANIA, 07 dicembre 2023, 17:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Procura di Tempio Pausania ha chiesto il rinvio a giudizio degli ex amministratori degli immobili di Gianluca Vacchi, imprenditore e influencer bolognese. Il processo è stato sollecitato nei confronti di Pietro Oliva, 52 anni di Olbia (frazione di San Pantaleo) e della compagna Stefania Schirru, di 53, di Simaxis (Oristano).
    Ai due il pm Mauro Lavra contesta i reati di appropriazione indebita e autoriciclaggio, accuse che la coppia, alle dipendenze di Vacchi per oltre dieci anni sia nella villa di Porto Cerco che nella residenza di Bologna, respinge da sempre.
    Stando a quanto sostiene la Procura a seguito delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza di Olbia, Oliva e Schirru si sarebbero appropriati di circa 911mila euro in un lasso di tempo che va dal 2015 al 2020, effettuando trasferimenti di somme di denaro dal conto di Vacchi a conti correnti, carte di credito e Postepay intestate a loro.
    Difesi dagli avvocati Domenico Putzolu e Maria Caterina Pisano, gli ex collaboratori dell'imprenditore bolognese hanno affermato che tutte le spese da loro sostenute erano reggere lo stile di vita dispendiosissimo dell'influencer e dj, il quale molto spesso non aveva una reale contezza di quanto spendesse per il suo vivere quotidiano.
    In sostanza, secondo la coppia c'era una situazione di disordine contabile e avrebbe usato i soldi a disposizione solo per pagare quanto richiesto dal datore di lavoro Vacchi è assistito dall'avvocato bolognese Gino Bottiglioni, e si è costituito parte civile nel processo. Il giudice Marco Contu ha fissato l'udienza per decidere sulla richiesta di rinviao a giudizio il 15 febbraio 2024.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza