Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'universo di Leo Contini Lampronti al Meis di Ferrara

L'universo di Leo Contini Lampronti al Meis di Ferrara

Dal 9 novembre la mostra di un artista eclettico e immaginifico

FERRARA, 07 novembre 2023, 12:00

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Meis, Museo nazionale dell'Ebraismo italiano e della Shoah, ospita dal 9 novembre al 4 febbraio la mostra 'Ritorno a Ferrara. L'universo di Leo Contini Lampronti', curata da Hava Contini e Yael Sonnino-Levy, un percorso che invita alla scoperta di un artista eclettico, ironico e immaginifico.
    Nato nel 1939 a Nizza, ma originario di Ferrara, Leo Contini Lampronti si trasferisce a Tel Aviv dopo aver conseguito la laurea in ingegneria nucleare. Proprio in Israele esplora e sperimenta forme e tecniche, dedicandosi completamente all'arte e confrontandosi con lingue, parole e mondi diversi. La sua produzione spazia tra disegni, oggetti rituali ebraici, sculture, dipinti e creazioni originali, tra cui le tototomie, le anasculture e gli Arks. Al centro dei suoi interessi anche un legame indissolubile con la città dei genitori: la Ferrara, fisica e metafisica, che rivive in maniera giocosa e inedita sulle sue tele e mantiene intatto il suo fascino misterioso sospeso nel tempo.
    Quello del Meis è un omaggio all'artista scomparso nel 2020 che racconta anche un tassello della storia degli ebrei italiani nel Novecento. "In un periodo così complesso e doloroso - afferma il Meis - crediamo che la cultura, l'educazione, i valori condivisi e l'arte possano darci la forza per guardare con speranza al futuro".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza