Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il Ritratto di signora di Klimt al Forte di Bard da dicembre

Il Ritratto di signora di Klimt al Forte di Bard da dicembre

Un allestimento per raccontare l'avventurosa storia della tela

AOSTA, 21 novembre 2023, 19:06

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Arriva al Forte di Bard un'opera di Gustav Klimt (Vienna 1862-1918), tra i più celebri artisti della Secessione viennese: un "quadro evento" che impreziosirà, dal 1/o dicembre al 10 marzo prossimo, gli spazi della Cappella militare. Si tratta di Ritratto di signora, appartenente alla Galleria d'arte moderna Ricci Oddi di Piacenza. La tela - databile tra il 1916 e il 1917 - è una delle tre opere del grande maestro viennese presente sul suolo italiano ed è l'unica ad essere stata acquistata da un collezionista privato.
    La storia del dipinto, segnata da avventurose vicende, viene svelata attraverso un allestimento di impatto che farà da preludio e da cornice all'opera, grazie a un progetto curato da Forte di Bard, Galleria d'arte moderna Ricci Oddi e Skira. La tela appartiene all'ultima fase di attività di Klimt. Non è nota l'identità della donna raffigurata, che con ogni probabilità è una delle tante modelle che posarono per l'artista. Il dipinto deve la propria fama alle vicende che lo hanno visto protagonista. Spetta a una studentessa di un liceo piacentino - Claudia Maga - avere intuito nel 1996 la genesi dell'opera poi confermata dalle analisi, cui la tela è stata sottoposta: Klimt la dipinge sopra un precedente ritratto già ritenuto perduto raffigurante una giovane donna identica nel volto e nella posa all'attuale effigiata, ma diversamente abbigliata e acconciata.
    I colpi di scena non finiscono qui: il 22 febbraio 1997, la tela viene rubata dalla Galleria Ricci Oddi con modalità che le indagini non riusciranno mai a chiarire. Il ritrovamento avviene solo il 10 dicembre 2019, durante alcuni lavori di giardinaggio lungo il muro esterno del museo piacentino. Qui, in un piccolo vano chiuso da uno sportello privo di serratura, viene rinvenuto un sacchetto di plastica, dentro al quale vi è la tela.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza