Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Palazzo Vecchio il 'Guerriero con Scudo' di Moore

A Palazzo Vecchio il 'Guerriero con Scudo' di Moore

Nuova collocazione per la scultura, recentemente restaurata

FIRENZE, 27 febbraio 2024, 18:35

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

FIRENZE - L'opera il Guerriero con Scudo di Henry Moore sarà collocata nella terrazza di Saturno di Palazzo Vecchio a Firenze, grazie al sostegno finanziario del ministero del Turismo con il Fondo siti Unesco e città creative: la nuova collocazione dell'opera, di proprietà del British Institute of Florence e sottoposta a un restauro seguito dall'Opificio delle pietre dure di Firenze, è stata presentata il 27 febbraio, a oltre 50 anni dalla grande mostra di Moore al Forte di Belvedere "Il guerriero mutilato di Moore torna finalmente a Palazzo Vecchio, nella collocazione prediletta dal suo autore - ha dichiarato il sindaco Dario Nardella -, e sembra ammonirci di fronte a nuove guerre contemporanee. A 50 anni dalla retrospettiva che la città dedicò al grande artista inglese al Forte di Belvedere, Moore continua a sorprenderci e noi continuiamo ad omaggiarlo e a trovare nuove vie per mostrare le sue opere".
    La scultura di Henry Moore "è stata un 'dolce shock' - ha detto Sergio Risaliti, direttore del Museo Novecento - perché ha fatto cadere molte resistenze e perplessità con il suo linguaggio assolutamente all'avanguardia eppure classico, direi anzi neoumanistico. In più, ai più accorti, ha fatto capire il forte legame dell'arte del Novecento con il mondo arcaico e primordiale. Infine, le sue ricercate forme non sono vuote di significato perché tendono sempre a rappresentare il mistero della natura e la grandezza drammatica della storia e dell'esistenza umana. Finalmente siamo riusciti a soddisfare il sogno di Moore grazie alla perfetta collaborazione tra tante istituzioni".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza