Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Museo Accorsi Torino, 'Da Casorati a Sironi, ai nuovi futuristi'

Museo Accorsi Torino, 'Da Casorati a Sironi, ai nuovi futuristi'

Due anni di lavoro. La mostra inaugura nuovo allestimento museo

TORINO, 09 ottobre 2023, 17:04

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

TORINO - La mostra 'Da Casorati a Sironi ai Nuovi Futuristi', dall'11 ottobre all'11 febbraio 2024, frutto di due anni di lavoro, inaugura il nuovo straordinario allestimento del Museo Accorsi-Ometto di Torino, realizzato grazie all'uso di luci di ultima generazione su uno sfondo di muri grigi.
    Le settanta opere esposte, dei principali artisti del Novecento italiano, sono infatti illuminate una per una con delle luci che le abbracciano in modo diffuso diventando esse stesse le fonti luminose delle stanze. Un effetto straniante e moderno che gioca alla perfezione con gli ambienti aulici del seicentesco palazzo nel centro di Torino.
    Le opere provengono da collezioni private e da musei italiani e stranieri, soprattutto francesi, tra i quali la Gam di Torino, la Gnam di Roma, il Mart di Rovereto. Raccontano una fetta di storia artistica e non solo di Torino e Milano di inizio '900.
    "Il percorso prende le mosse dal 1920 - hanno spiegato oggi i curatori Nicoletta Colombo e Giuliana Gidio - quando nelle due grandi città arrivano gli echi della ricostruzione post guerra e del nuovo rinascimento artistico europeo". Una mostra a tema, "non acquistata a pacchetto come si usa molto spesso fare oggi - spiegano il presidente e il direttore del Museo Guido Appendino e Luca Mana - ma frutto di una lunga ricerca anche concettuale".
    Divisa in quattro sezioni, la mostra racconta in primo luogo la rivoluzione artistica portata dalla casa-bottega di Casorati in una Torino conservatrice e sabauda alle prese con intellettuali 'rivoluzionari' come Gualino, Piero Gobetti e lo storico dell'arte Lionello Venturi; il neofuturismo milanese antiromantico di Marinetti e di artisti quali Sironi, Marussig, Carra', Borra; il gruppo dei Sei di Torino (Boswell, Chessa, Galante, Levi, Menzio e Paulucci); il Nuovo Futurismo di Milano e Torino".
    "Stiamo lavorando alla prossima grande mostra di primavera 2024 - ha aggiunto il presidente Appendino - ma per scaramanzia non diciamo nulla. Le vicende internazionali in corso sono troppo destabilizzanti, anche per la cultura e il lavoro dei musei che lavorano guardando al futuro".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza