Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il Pe chiede l'origine della frutta per i succhi e le marmellate

Il Pe chiede l'origine della frutta per i succhi e le marmellate

La Commissione Ambiente approva il "pacchetto colazioni"

BRUXELLES, 29 novembre 2023, 17:38

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

BRUXELLES - Più chiarezza sulla provenienza del miele in etichetta, con indicazione del Paese di origine della frutta usata per produrre succhi di frutta e marmellate. E' la posizione della commissione Ambiente dell'Europarlamento sul cosiddetto "pacchetto colazione", così chiamato che modifica le norme di commercializzazione di diversi prodotti solitamente consumati nel primo pasto della giornata.

I deputati concordano sul fatto che il Paese in cui il miele è stato raccolto debba comparire sull'etichetta nello stesso campo visivo dell'indicazione del prodotto. Se il miele proviene da più di un Paese, i Paesi devono essere indicati sull'etichetta in ordine decrescente in base alla proporzione e se più del 75% del miele proviene da Paesi extra Ue, questa informazione deve essere indicata chiaramente anche sull'etichetta frontale.


    L'etichetta "senza zuccheri aggiunti" dovrebbe essere consentita per i succhi di frutta ma non per i nettari di frutta. I succhi di frutta riformulati potrebbero essere etichettati come "succo di frutta a ridotto contenuto di zucchero". Per i succhi di frutta, le marmellate, le gelatine, le confetture e le puree di castagne zuccherate, i deputati chiedono anche che il Paese di origine della frutta utilizzata per produrre il succo sia indicato sull'etichetta frontale. Soddisfatta la Coldiretti, che parla di "storico si della Commissione ambiente del Parlamento Europeo all'obbligo di indicare la provenienza della frutta utilizzata in succhi e marmellate, oltre che per il miele per il quale vengono rese ancora più trasparenti le etichette con l'indicazione delle percentuali dei mieli provenienti dai diversi Paesi nelle miscele".

"Un passo importante - ha affermato il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini - fortemente sollecitato dalla Coldiretti impegnata da danni nel percorso di trasparenza dell'informazione ai consumatori sull'origine degli alimenti portati a tavola, a tutela della libertà di scelta". Si tratta, aggiunge, di "un risultato reso possibile dalla sensibilità dimostrata dagli Eurodeputati che ora dovrà essere mantenuta nel Parlamento in plenaria e poi difesa al trilogo tra Commissione, Parlamento e Consiglio".

Coldiretti definisce l'intesa "un obiettivo importante sul piano della salute, dell'economia, dell'occupazione e dell'ambiente in Italia che è il secondo produttore europeo di frutta dopo aver detto addio a oltre 100 milioni di piante di frutta fresca negli ultimi quindici anni con la scomparsa che riguarda tutte le principali produzioni, dalle mele alle pere, dalle pesche alle albicocche, dall'uva da tavola alle ciliegie, dalle arance alle clementine, secondo l'analisi della Coldiretti su dati Istat"

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza