Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Etna, ripresa dai satelliti l'espansione delle colate laviche

Etna, ripresa dai satelliti l'espansione delle colate laviche

Dopo la spettacolare eruzione del 12 novembre

15 novembre 2023, 16:13

Redazione ANSA

ANSACheck

Le colate di lava sull’Etna riprese il 13 novembre (fonte: Copernicus Sentinel-2, dati elaborati da ESA, CC BY-SA 3.0 IGO) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Le colate di lava sull’Etna riprese il 13 novembre (fonte: Copernicus Sentinel-2, dati elaborati da ESA, CC BY-SA 3.0 IGO) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Le colate di lava sull’Etna riprese il 13 novembre (fonte: Copernicus Sentinel-2, dati elaborati da ESA, CC BY-SA 3.0 IGO) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Le colate laviche che si espandono sulla parte sommitale dell'Etna dopo la spettacolare eruzione del 12 novembre sono state riprese dal satellite europeo Sentinel-2, del programma di osservazione della Terra Copernicus di Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Commissione europea.

L'immagine è stata catturata il 13 novembre, a poche ore di distanza dalla colonna eruttiva alta circa 4.500 metri sul livello del mare che domenica ha provocato la caduta di cenere lavica su diversi paesi. Proprio per mostrare il flusso lavico in un rosso brillante, l'immagine satellitare è stata elaborata utilizzando le bande nell'infrarosso a onde corte.

"I dati satellitari - spiega l'Esa in una nota - possono essere utilizzati per rilevare i lievi segni di cambiamento che possono predire un’eruzione. Una volta iniziata l’eruzione, gli strumenti ottici e radar possono catturare i vari fenomeni a essa associati, tra cui colate laviche, frane, fessure del suolo e terremoti. I sensori atmosferici sui satelliti possono anche identificare i gas e gli aerosol rilasciati dall’eruzione, oltre a quantificare il loro più ampio impatto ambientale".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza