Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

I satelliti italiani puntati sul vulcano islandese

I satelliti italiani puntati sul vulcano islandese

Cosmo-SkyMed a supporto del servizio meteorologico dell'Islanda

13 novembre 2023, 17:11

Redazione ANSA

ANSACheck

L 'immagine basata sui dati dei satelltiti Cosmo-SkyMed indica che il tunnel di magma si estende fino alla città di Grindavík (fonte: Icelandic Meteorogical Office) - RIPRODUZIONE RISERVATA

L 'immagine basata sui dati dei satelltiti Cosmo-SkyMed indica che il tunnel di magma si estende fino alla città di Grindavík  (fonte: Icelandic Meteorogical Office) - RIPRODUZIONE RISERVATA
L 'immagine basata sui dati dei satelltiti Cosmo-SkyMed indica che il tunnel di magma si estende fino alla città di Grindavík (fonte: Icelandic Meteorogical Office) - RIPRODUZIONE RISERVATA

I satelliti radar della costellazione italiana Cosmo-SkyMed hanno misurato la deformazione del suolo causata dalla risalita del magma del vulcano islandese Fagradalsfjall, nella zona sud-occidentale del Paese, e che ha portato la Protezione civile islandese a decidere di evacuare la città di Grindavík a partire dalla sera del 10 novembre. La costellazione di satelliti per l'osservazione della Terra sviluppata dall'Agenzia Spaziale Italiana in cooperazione con il ministero della Difesa ha fornito in particolare due immagini che mostrano la deformazione del suolo avvenuta a partire dal 10 novembre. Nella sola giornata di venerdì 10 novembre 2023, informa l'Asi in un comunicato, sono stati registrati in Islanda più di 800 terremoti.

Entrambe le immagini fornite dai satelliti italiani mostrano un'ampia deformazione del suolo correlata a un aumento del magma iniziato nel pomeriggio del 10 novembre all'interno del sistema vulcanico Reykjanes-Svartsengi.

La prima immagine si basa sui dati acquisiti dal 3 all'11 novembre e ha permesso di calcolare che il tunnel di magna ha una lunghezza media di 15 chilometri, si trova a meno di un chilometro di profondità e ha una variazione di volume di circa 70 milioni di metri cubi. La seconda immagine, che si riferisce ai dati acquisiti fra 2 e il 10 novembre, ha confermato che l'intrusione di magma si estende sotto la città di Grindavík, fornendo così elementi a sostegno della decisione presa dalla Protezione Civile islandese di iniziare l'evacuazione della città nella tarda serata di venerdì.

In coordinamento con il gruppo di lavoro sui disastri del Comitato internazionale dei satelliti per l'osservazione della Terra, l'Asi fornisce in modo continuativo dal 2014 i dati sui vulcani islandesi acquisiti dai satelliti Cosmo-SkyMed e attualmente sta supportando l'attività dell'Ufficio meteorologico islandese.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza