Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Smentita la 'Regola degli alberi' di Leonardo da Vinci

Smentita la 'Regola degli alberi' di Leonardo da Vinci

Dice che lo spessore del tronco e' pari a quello dei rami sommati

23 settembre 2023, 09:02

Redazione ANSA

ANSACheck

La ‘Regola degli Alberi’ di Leonardo da Vinci sostiene che lo spessore del tronco è uguale a quello della somma di tutti i rami (fonte: free via wikimedia commons) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La ‘Regola degli Alberi’ di Leonardo da Vinci sostiene che lo spessore del tronco è uguale a quello della somma di tutti i rami (fonte: free via wikimedia commons) - RIPRODUZIONE RISERVATA
La ‘Regola degli Alberi’ di Leonardo da Vinci sostiene che lo spessore del tronco è uguale a quello della somma di tutti i rami (fonte: free via wikimedia commons) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una ricerca britannica smentisce la 'Regola degli alberi' di Leonardo da Vinci, secondo la quale lo spessore del tronco e' uguale a quello della somma di tutti i rami. Pubblicata sulla rivista dell'Accademia degli scienze degli Stati Uniti, la ricerca e' stata condotta della Bangor University del Galles.

Non e' la prima volta che la Regola degli Alberi di Leonardo viene messa in discussione o rivista sulla base di misurazioni moderne. Recentemente, ad esempio, e' stato evidenziato che la larghezza e la lunghezza dei rami riflettono meglio, rispetto al solo spessore, la struttura complessiva della pianta. Questa volta l'analisi e' stata condotta a livello microscopico e afferma che la regola non vale per i vasi interni delle piante che trasportano la linfa dalle radici alle foglie. Secondo i due autori dello studio, Stuart Sopp e Ruben Valbuena, i nuovi calcoli potrebbero spiegare perche' i grandi alberi sono piu' vulnerabili alla siccita' e perche' potrebbero essere anche maggiormente a rischio a causa dei cambiamenti climatici.

La ricerca indica in particolare che i canali di trasporto della linfa, chiamati xylema, non possono seguire lo stesso rapporto stabilito nella regola di Leonardo: se restringessero le loro dimensioni man mano che salgono attraverso l'albero, non riuscirebbero a mantenere una forza sufficiente per attirare l'acqua lungo il tronco. Per loro avviene dunque il contrario: si allargano man mano che i rami si assottigliano verso la cima degli alberi. Questo modello di crescita economizza anche la quantita' di carbonio utilizzata per costruire uno xylema efficiente dal punto di vista energetico, in grado di spostare l'acqua e le sostanze nutritive attraverso l'albero. "Questo nuovo metodo - osserva Sopp - aiutera' a calcolare quanta anidride carbonica sono in grado di immagazzinare le foreste"

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza