Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'asfissia fu una probabile causa di morte a Pompei

L'asfissia fu una probabile causa di morte a Pompei

Lo indica l'analisi dei resti scheletrici, con una nuova tecnica non invasiva

24 agosto 2023, 14:45

Redazione ANSA

ANSACheck

Una delle vittime dell 'eruzione del Vesuvio a Pompei (fonte: Picryl) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una delle vittime dell 'eruzione del Vesuvio a Pompei (fonte: Picryl) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Una delle vittime dell 'eruzione del Vesuvio a Pompei (fonte: Picryl) - RIPRODUZIONE RISERVATA

L'asfissia fu una delle cause di morte a Pompei durante l'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Lo dimostra lo studio interdisciplinare condotto dall'Università di Valencia e dall'Università di Cambridge con la collaborazione del parco archeologico di Pompei e pubblicato sulla rivista Plos One.

La ricerca è stata condotto sui resti scheletrici all'interno dei calchi pompeiani su cui è stata impiegata per la prima volta un'analisi chimica non invasiva mediante fluorescenza a raggi X. Oggetto della ricerca sono stati sei calchi di fuggitivi da Porta Nola e un settimo dalle Terme Suburbane. "Sono stati determinati dati importanti - osservanoi ricercatori - che, incrociati con risultati antropologici e stratigrafici, sono utili nella ricostruzione degli eventi pre e post-mortem degli individui".

I risultati delle analisi sono stati confrontati con quelli condotti su altre ossa rinvenute nelle necropoli di Porta Nola a Pompei, nel Sepolcreto Ostiense a Roma e a Valencia. "I calchi in gesso delle vittime dell'eruzione di Pompei potrebbero aver contaminato la composizione chimica delle loro ossa, ma le analisi bioarcheologiche consentono comunque di considerare l'asfissia come probabile causa di morte", dicono i ricercatori, specificando che i dati si riferiscono ai campioni presi in esame e che "è "probabile che l'eruzione catastrofica abbia ucciso le persone in modi diversi".

Per Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco archeologico di Pompei, "è difficile determinare con esattezza la causa di morte delle vittime dell'eruzione: tra calore, asfissia ed edifici crollanti, sappiamo che doveva essere un vero e proprio inferno. D'altronde, se mettiamo le stime del numero di vittime in relazione alla popolazione totale, che solo all'interno delle mura doveva ammontare a circa 20mila persone, con forse altrettanti che abitavano nelle campagne, possiamo ipotizzare che molti abitanti fossero riusciti a scappare. Il nuovo studio - osserva - è importante perché ci aiuta a comprendere meglio la dinamica precisa nell'ultima fase della catastrofe".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza