Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Le più antiche incisioni rupestri dei Neanderthal

Le più antiche incisioni rupestri dei Neanderthal

In una grotta francese, risalgono a più di 57.000 anni fa

25 giugno 2023, 09:05

Elisa Buson

ANSACheck

I ricercatori studiano le incisioni nella grotta di La Roche-Cotard (fonte: Kristina Thomsen, CC-BY 4.0) - RIPRODUZIONE RISERVATA

I ricercatori studiano le incisioni nella grotta di La Roche-Cotard (fonte: Kristina Thomsen, CC-BY 4.0) - RIPRODUZIONE RISERVATA
I ricercatori studiano le incisioni nella grotta di La Roche-Cotard (fonte: Kristina Thomsen, CC-BY 4.0) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Scoperte in Francia le più antiche incisioni rupestri realizzate dai Neanderthal: sono dei segni grafici, non figurativi, tracciati più di 57.000 anni fa sulle pareti della grotta La Roche-Cotard, nella Valle della Loira, che potrebbe dunque essere la grotta decorata più antica d'Europa. Lo indica lo studio pubblicato sulla rivista Plos One dal gruppo di esperti guidato da Jean-Claude Marquet dell'Università di Tours, in Francia.

I ricercatori hanno esaminato i segni incisi nella grotta e ne hanno creato dei modelli 3D grazie alla fotogrammetria, in modo da poterli confrontare con altri segni prodotti da esseri umani. Sulla base della forma, della spaziatura e della disposizione delle incisioni, il team ha concluso che si tratta di forme deliberate, organizzate e intenzionali create da mani umane.

La datazione dei sedimenti ha permesso di stabilire che il loro accumulo ha determinato la totale chiusura della grotta circa 57.000 anni fa, rendendola di fatto inaccessibile molto prima che l'Homo sapiens si stabilisse nella regione. Considerato poi che i manufatti di pietra ritrovati nella grotta sono stati modellati con la classica tecnica musteriana dei Neanderthal, pare non ci siano dubbi sul fatto che le incisioni siano da attribuire ai nostri lontani cugini.

 

 

Alcune delle incisioni rupestri ritrovate nella grotta di La Roche-Cotard (fonte: Jean-Claude Marquet, CC-BY 4.0)

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza