Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Melodie cosmiche, stelle e galassie diventano musica VIDEO

Melodie cosmiche, stelle e galassie diventano musica VIDEO

Dai telescopi spaziali, ogni lunghezza d’onda è un suono

24 giugno 2023, 10:06

Benedetta Bianco

ANSACheck

La Nasa ha tradotto in melodie cosmiche le osservazioni fatte con i suoi telescopi spaziali (fonte: NASA/CXC/SAO/K.Arcand, SYSTEM Sounds (M. Russo, A. Santaguida)) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La Nasa ha tradotto in melodie cosmiche le osservazioni fatte con i suoi telescopi spaziali (fonte: NASA/CXC/SAO/K.Arcand, SYSTEM Sounds (M. Russo, A. Santaguida)) - RIPRODUZIONE RISERVATA
La Nasa ha tradotto in melodie cosmiche le osservazioni fatte con i suoi telescopi spaziali (fonte: NASA/CXC/SAO/K.Arcand, SYSTEM Sounds (M. Russo, A. Santaguida)) - RIPRODUZIONE RISERVATA

I dati di stelle e galassie diventano musica: la Nasa ha tradotto in melodie cosmiche le osservazioni fatte con i telescopi spaziali, come lo storico Hubble, di Nasa ed Esa, al più recente e potentissimo James Webb , di Esam Nasa e Csa. Facendo corrispondere suoni diversi alle diverse lunghezze d’onda, sono nate vere e proprie melodie cosmiche.

La prima arriva dal sistema chiamato R Aquarii, che contiene due stelle, una nana bianca e una gigante rossa, in orbita l’una intorno all’altra. Il volume cambia in proporzione alla luminosità delle sorgenti, grazie ai dati raccolti nella luce visibile da Hubble (di Nasa e Agenzia Spaziale Europea) e a quelli raccolti nei raggi X dal telescopio Chandra della Nasa. La melodia che sale e scende simile a quella prodotta dalle campane tibetane è dovuta alle strutture individuate da Hubble, mentre assomigliano alle fusa di un gatto in versione sintetica i suoni associati a Chandra.

 

 

 

 

Arriva dal Quintetto di Stephan, un gruppo di cinque galassie, la seconda melodia. Il gruppo è in realtà formato solo da quattro galassie, che si muovono l’una intorno all’altra, mentre la quinta si trova in realtà ad una distanza molto maggiore. Le galassie sullo sfondo e le stelle in primo piano, rilevate dal Jwst di Nasa, Esa e Agenzia Spaziale Canadese, sono state associate a note diverse e le frequenze cambiano dolcemente in corrispondenza delle protagoniste del quintetto. Infine, i raggi X di Chandra, che rivelano un'onda d'urto che ha surriscaldato il gas a decine di milioni di gradi, sono rappresentati da un suono di corde sintetiche.

 

 

 

 

L’ultimo oggetto ad essere tradotto in musica è Messier 104, conosciuta anche come la Galassia Sombrero. Anche in questo caso, la luminosità detta il tono ed il volume delle note, con le fonti più brillanti associate a frequenze più alte e forti. I dati di Hubble, Chandra e del telescopio Spitzer della Nasa sono associati a suoni diversi: i raggi X di Chandra assomigliano ad un sintetizzatore, quelli a infrarossi di Spitzer suonano come corde, mentre la luce ottica di Hubble assomiglia a delle campane.

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza